Questo articolo è stato letto 238 volte

Testo unico partecipate: questioni applicative e interpretative

Testo unico partecipate

La Fondazione nazionale dei commercialisti ha pubblicato un interessante documento relativo al nuovo Testo Unico sulle società partecipate, con specifico riferimento agli obblighi di modifiche statutarie e nuovi aspetti operativi.

Mediante l’emanazione del d.lgs. 175/2016, è infatti stato creato un corpus normativo unitario in tema di società a partecipazione pubblica, che ha avuto come merito principale quello di disciplinare e regolare in maniera organica una materia ampia e complessa, la cui normativa di riferimento si presentava frammentata e in molti casi, non coordinata e disomogenea.

“Il nuovo Testo Unico – recita la premessa del documento – infatti, partendo dall’analisi dei requisiti da rispettare affinché le pubbliche amministrazioni possano acquistare o detenere partecipazioni societarie, estende il suo perimetro applicativo a pressoché tutti gli aspetti operativi connessi alla gestione di tali società: dalle attività ammesse alle finalità perseguibili, dai requisiti degli amministratori alle norme finanziarie per gli enti. Scopo del presente documento è approfondire alcuni degli aspetti più rilevanti ed incisivi per le società partecipate, ponendo particolare attenzione agli obblighi di modifiche statutarie introdotti dalla nuova norma e alle problematiche connesse all’affidamento in house di alcuni servizi, rispetto al quale sussistono anche esigenze di interpretazione e coordinamento rispetto al nuovo Codice relativo ad appalti e concessioni”.

>> CONSULTA IL DOCUMENTO.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *