Questo articolo è stato letto 1 volte

Tasi, acconto con mini sanzione se il ravvedimento è veloce

Fonte: Italia Oggi

<p>Oggi &egrave; l’ultimo giorno utile per il pagamento dell’acconto Tasi. Al versamento dell’imposta sui servizi indivisibili sono tenuti i contribuenti titolari di fabbricati e aree edificabili ubicati nella stragrande maggioranza dei comuni (pi&ugrave; di 5.000) che hanno inviato le delibere sulle aliquote al Mef entro il 10 settembre, per essere pubblicate sul sito ministeriale entro il 18 settembre. Nel caso in cui per qualsiasi motivo non sia possibile provvedere al pagamento entro oggi, si pu&ograve; sanare la violazione nei successivi 14 giorni versando una mini sanzione dello 0,2% per ogni giorno di ritardo, oltre agli interessi legali al saggio dell’1%.</p>
<p>Dunque, entro oggi la maggior parte dei contribuenti &egrave; tenuta a pagare l’acconto del nuovo odiato balzello. L’obbligo, per&ograve;, non vale per tutti i possessori di fabbricati e aree edificabili. L’acconto Tasi non va versato nei comuni che hanno deliberato le aliquote entro lo scorso 23 maggio. In questi enti il pagamento &egrave; gi&agrave; stato effettuato il 16 giugno.</p>
<p>Com’&egrave; noto, il legislatore &egrave; intervenuto pi&ugrave; volte sulla disciplina relativa al versamento della Tasi per l’anno 2014, stabilendo scadenze diverse per il pagamento dell’imposta a seconda della tempestivit&agrave; del comune nell’adottare le delibere.</p>
<p>Nel caso di mancato invio delle delibere al Mef entro lo scorso 23 maggio, il dl 88/2014 ha previsto che il versamento della prima rata debba essere effettuato entro il 16 ottobre tenuto conto delle aliquote e detrazioni pubblicate sul sito informatico ministeriale alla data del 18 settembre. A patto che le delibere fossero state spedite entro il 10 settembre. Negli oltre 600 comuni che non hanno rispettato neppure quest’ultimo termine, la Tasi dovr&agrave; essere versata a saldo, entro il 16 dicembre, con l’aliquota base dell’1 per mille.</p>
<p>Per coloro che non riescono a rispettare la data di scadenza per il versamento &egrave; possibile ravvedersi, preferibilmente in tempi brevi, pagando una mini sanzione.</p>
<p>Dal 17 ottobre scatta il condono. &Egrave; possibile sanare oltre agli omessi anche i parziali versamenti dovuti a errori commessi nella determinazione di quanto dovuto. La sanatoria, per&ograve;, &egrave; pi&ugrave; conveniente se l’adempimento viene posto in essere in tempi brevi, vale a dire entro 14 giorni dalla scadenza. In questo caso i ritardatari possono fruire del ravvedimento sprint pagando una mini sanzione dello 0,2% per ogni giorno di ritardo. Prima si paga, pi&ugrave; bassa &egrave; la penale. In base alle modifiche apportate all’articolo 13 del decreto legislativo 471/1997, la sanzione del 30% per omesso, parziale o tardivo versamento del tributo pu&ograve; essere ulteriormente ridotta a un importo pari a un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo (0,2%), purch&eacute; non sia superiore a 14 giorni. A questo beneficio si aggiunge la riduzione della sanzione a 1/10 di cui pu&ograve; fruire chi si ravvede.</p>
<p>In alternativa, c’&egrave; la possibilit&agrave; di fare ricorso al ravvedimento breve, entro 30 giorni dalla commissione della violazione, pagando la sanzione ridotta al 3% (1/10 del 30%). Infine, l’ultimo rimedio &egrave; la sanatoria lunga entro un anno. La sanzione &egrave; per&ograve; dovuta nella misura del 3,75% (1/8 del 30%).</p>
<p>Pertanto, se non viene pagata in tutto o in parte la Tasi, si ha la chance di rimediare all’errore pagando comunque una piccola sanzione. Per regolarizzare la violazione commessa va pagato il tributo, se dovuto, gli interessi legali e la sanzione. Il ravvedimento si perfeziona nel momento in cui viene effettuato il pagamento per intero del debito tributario. L’adempimento pu&ograve; essere effettuato anche in tempi diversi: &egrave; consentito pagare in un primo momento il tributo e successivamente interessi e sanzioni. Ci&ograve; che conta &egrave; che l’ultimo versamento avvenga entro il termine assegnato. Considerato che le scadenze sono diverse (14 giorni, 30 giorni o 1 anno), per stabilire quale sanzione va pagata fa fede la data dell’ultimo versamento.</p>
<p>Naturalmente solo l’adempimento spontaneo, prima che le violazioni di omesso, parziale o tardivo versamento del tributo vengano accertate dal comune, evita di incorrere nella sanzione edittale del 30% e di pagare interessi maggiorati, eventualmente deliberati con regolamento comunale fino a un misura massima del 4%. Gli enti locali possono aumentare gli interessi fino a 3 punti percentuali rispetto al tasso legale.</p>

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *