Questo articolo è stato letto 1 volte

Sulle aree edificabili decide il Prg

Fonte: Il Sole 24 Ore

<p>Scontano la Tasi anche le aree fabbricabili. La nozione di area fabbricabile &egrave; ripresa dalla disciplina Imu.</p>
<p>Questo significa che &egrave; considerata tale l’area che rientra nello strumento urbanistico generale (Prg), a prescindere dalle concrete possibilit&agrave; di edificazione, che potrebbero anche mancare del tutto.</p>
<p>Il valore di riferimento &egrave; quello di mercato, al primo gennaio di ogni anno: i Comuni potrebbero aver adottato dei valori di orientamento per i contribuenti ai fini Imu, che hanno effetto anche per la Tasi. La prospettiva temporale dello sfruttamento edificatorio, che non incide per l’appunto sulla qualificazione del suolo, influenza senz’altro il valore attribuibile.</p>
<p>Si considera edificabile anche l’area in cui sono eseguiti in concreto lavori di costruzione, pur in contrasto con gli strumenti urbanistici vigenti. Secondo l’orientamento di Cassazione, per&ograve;, in caso di sopraelevazione del fabbricato, il lastrico solare sul quale sono in corso i lavori non pu&ograve; essere tassato autonomamente, essendo compreso nella rendita catastale del fabbricato gi&agrave; ultimato.</p>
<p>Per le aree edificabili si pone la stessa questione vista per i fabbricati D. Accade spesso, infatti, che i Comuni deliberino l’aliquota massima Imu per i questi suoli. In questa eventualit&agrave;, non c’&egrave; spazio per l’applicazione della Tasi.</p>

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *