MAGGIOLI EDITORE - La Gazzetta degli Enti Locali


Nelle strade con le buche la velocità si paga cara

Il comune che fa abbassare il limite di velocità sulla strada statale dissestata può anche attivare controlli elettronici della circolazione. E sanzionare chi pigia troppo sull’acceleratore previa segnalazione dell’attività di controllo in atto.

Lo ha evidenziato la Corte di cassazione, sez., VI civ., – 2 con l’ordinanza n. 10684 del 22 maggio 2015. Un paese attraversato da una superstrada con limite ordinario di velocità fissato in 110 km/h ha ottenuto dall’Anas di abbassare il limite a 80 km/h a causa della deformazione del piano viabile. Nell’opporsi a una conseguente multa per eccesso di velocità rilevata tramite l’autovelox, un automobilista ha percorso tutti i gradi del giudizio senza ottenere alcun successo.

Il degrado del manto stradale è una condizione che incide legittimamente sulla modulazione del limite di velocità dei veicoli. In buona sostanza, è corretto abbassare il limite di velocità in presenza di avvallamenti, dissesti e buche e i relativi controlli elettronici non sono viziati da nessun difetto se regolarmente segnalati ed effettuati in conformità alle direttive ministeriali.


www.lagazzettadeglientilocali.it