Questo articolo è stato letto 101 volte

Si amplia la portata del delitto di minaccia o violenza a un corpo politico

Maggiori tutele nei confronti di sindaci, assessori e consiglieri locali: in questa direzione la Camera dei deputati ha approvato lo scorso 22 giugno, in via definitiva, le norme che ampliano la portata del delitto di minaccia o violenza a un corpo politico.
“Il sì della Camera premia il nostro impegno, in un momento in cui le intimidazioni a danno dei sindaci costituiscono un fenomeno preoccupante e in aumento”: questo il commento del presidente dell’ANCI Antonio Decaro.

Tutela corpo politico: le novità contenute nel testo

Di seguito sono disponibili alcune rapide pillole che mettono in fila le principali novità contenute nel testo approvato:
– Maggiori tutele a singoli amministratori: estesa ai singoli componenti l’attuale fattispecie che punisce, con la reclusione da uno a sette anni, ogni violenza o minaccia a un corpo politico, amministrativo o giudiziario.
– Stop minacce interdittive: rischia da uno a sette anni anche chi minaccia o usa violenza per ottenere o impedire l’adozione di un provvedimento (anche legislativo) o a causa della sua adozione.
– Aggravante da ritorsione: arriva l’aggravante quando alcuni specifici delitti (lesioni, violenza privata, minaccia o danneggiamento) costituiscono atti intimidatori ritorsivi per un atto compiuto nell’adempimento del mandato o delle funzioni.
– Atti intimidatori contro candidati: intimidire un aspirante consigliere comunale costerà il carcere. Sarà punito infatti col carcere da 2 a 5 anni chi ostacola, con minacce o atti di violenza, la partecipazione a elezioni comunali o regionali.
– Monitoraggio minacce contro amministratori: definiti funzionamento e composizione dell’Osservatorio sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti degli amministratori locali che ha il compito di monitorare il fenomeno intimidatorio e promuovere iniziative di formazione e a favore della legalità.

>> Qui disponibile il testo del DDL approvato dal Senato in prima lettura in data 8 giugno e definitivamente dalla Camera dei Deputati in data 22 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *