Questo articolo è stato letto 143 volte

Semplificazione contabilità economico-patrimoniale: confermata la facoltatività del rinvio per i Piccoli Comuni

Semplificazione contabilità economico-patrimoniale: confermata la facoltatività del rinvio per i Piccoli Comuni

Attraverso la conversione in legge del decreto legge n. 34/2019 (Decreto Crescita) è stato modificato l’art. 232, comma 2 del TUEL (d.lgs. 267/2000), prevedendo che gli obblighi di tenuta della contabilità economico-patrimoniale (CEP) siano prorogati all’esercizio 2020.

Come anticipato sulla Gazzetta Ultim’Ora di ieri, la nuova norma non pone alcuna condizione alla facoltà del Comune di non redigere la CEP con riferimento al 2019, impegnandolo, in alternativa, ad elaborare uno stato patrimoniale semplificato anche sulla base di una proposta elaborata dalla Commissione Arconet. La proposta di modello semplificato è stata approvata da Arconet nella seduta dell’11 settembre scorso, con il concorde concorso di tutte le componenti.
Nel verbale di tale seduta, tuttavia, si legge sul portale della Fondazione IFEL, veniva inserito un passaggio secondo il quale lo schema semplificato non poteva essere adottato dai Comuni con meno di 5mila abitanti che avessero approvato il rendiconto 2018 comprensivo dello stato patrimoniale e del conto economico. Tale considerazione, espressa nonostante il parere contrario dei rappresentanti dell’ANCI e dell’UPI ed in assenza di parere espresso dai rappresentanti delle Regioni, è stata poi fortemente contestata da ANCI con una lettera che il presidente Decaro ha inviato alla viceministra Laura Castelli lo scorso 1° ottobre, nella quale si evidenziava come tale interpretazione fosse del tutto estranea al nuovo dettato normativo. Il “metodo semplificato”, infatti, non è affatto “riservato agli enti che hanno rinviato l’adozione” della CEP, bensì a coloro che “rinviano la contabilità economico-patrimoniale con riferimento all’esercizio 2019”, come testualmente recita il nuovo comma 2 dell’articolo 232 TUEL.

La Commissione Arconet, tornando sull’argomento nel corso della seduta del 2 ottobre, ha infine concordato sulla facoltatività della tenuta della CEP per il 2019 per tutti i Comuni fino a 5mila abitanti, anche per quelli che abbiano già corredato il consuntivo degli esercizi 2018 e precedenti degli allegati economico-patrimoniali. La Commissione raccomanda comunque agli enti che hanno già utilmente adottato la contabilità economico-patrimoniale di proseguire lungo il percorso intrapreso.

>> CONSULTA LA LETTERA DELL’ANCI AL VICEMINISTRO CASTELLI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *