Questo articolo è stato letto 102 volte

Scuole sicure: 4,2 milioni di finanziamento e la circolare per i prefetti

Scuole sicure: 4,2 milioni e la circolare per i prefetti

Nell’ottica di un incremento della sicurezza nelle scuole, il Fondo per la sicurezza urbana finanzierà – con un totale di 4,2 milioni di euro – iniziative di prevenzione e contrasto dello spaccio e del degrado nei pressi degli istituti scolastici, secondo quanto disposto dal Decreto del Ministro dell’Interno adottato di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze 18 dicembre 2018. Ne potranno usufruire 100 Comuni per installare sistemi di videosorveglianza o per lanciare campagne informative. I comuni potranno anche usarli per piani di intensificazione dei servizi di controllo della Polizia locale. Tutte le indicazioni e le modalità di accesso alle risorse sono contenute in una circolare destinata ai prefetti che cureranno la raccolta dei progetti sul territorio.

Il commento del ministro dell’Interno

«La droga è una emergenza nazionale, sono pronto a convocare i rappresentanti delle comunità e di tutti i soggetti interessati. Chi pensa che la droga non sia un problema sbaglia di grosso, soprattutto nei dintorni delle scuole. I venditori di morte vanno colpiti e contrastati duramente», dichiara il ministro dell’Interno Matteo Salvini. «Confermiamo l’impegno concreto a favore degli amministratori locali, rafforzando un’iniziativa che abbiamo inaugurato un anno fa, dedicando risorse specifiche per contrastare gli spacciatori vicino alle scuole», precisa.

Chi può accedervi e come

La domanda per usufruire delle risorse deve essere presentata dai Comuni, entro il 31 maggio, presso la prefettura di competenza che ne verifica l’ammissibilità. I beneficiari sono stati individuati tenendo conto della popolazione residente. Esclusi i comuni che hanno già usufruito del contributo o già destinatari di risorse dello stesso fondo.

>> CONSULTA IL TESTO DEL DECRETO 18 DICEMBRE 2018.

>> CONSULTA IL TESTO DELLA CIRCOLARE

>> CONSULTA L’ELENCO DEI BENEFICIARI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *