Questo articolo è stato letto 2 volte

Ristrutturazioni con appoggio

Fonte: Italia Oggi

Per beneficiare della detrazione per i lavori di ristrutturazione, in assenza di condominio costituito e di amministratore designato,è necessario comunque il possesso del codice fi scale del condominio, da indicare nel bonifi co di pagamento. Questa una delle numerose risposte fornite dall’Agenzia delle Entrate, con la circolare 11/E di ieri in materia di Irpef.

Imu. L’effetto sostitutivo del tributo locale (Imu-Irpef) trova applicazione ogniqualvolta il contribuente abbia provveduto al pagamento della prima e/o seconda rata o della mini Imu, ma anche nel caso il tributo sia giuridicamente dovuto ma non versato per effetto del riconoscimento di detrazioni o perché di ammontare inferiore al minimo dovuto. Nel caso in cui il contribuente risieda in un’unità a destinazione abitativa di proprietà e nello stesso comune possieda altra unità abitativa non locata, lo stesso dovrà assoggettare a Irpef e addizionale tale ultimo immobile nella misura del 50%, ancorché la propria dimora sia costituita da un fabbricato rurale abitativo.

Locazioni. Nel caso in cui il contribuente possieda un immobile locato, il canone assume rilevanza fi no a quando il contratto resta in vita e, solo a seguito di cessazione della locazione, per scadenza naturale o per morosità del conduttore, il reddito può essere determinato su base catastale. In presenza di canoni non percepiti, gli stessi non concorrono alla formazione del reddito complessivo del proprietario ma solo da quando interviene una causa di risoluzione del medesimo contratto, giacché gli stessi devono essere comunque dichiarati fino alla realizzazione di dette cause, con l’impossibilità di recuperare le imposte assolte.

Spese sanitarie. La figura dell’osteopata non è annoverabile tra le figure riconosciute dal dicastero della salute e, di conseguenza, le prestazioni dagli stessi rese non consentono la detrazione, ai sensi della lett. c), comma 1, art. 15, dpr 917/1986 (Tuir). Al contrario, sono detraibili le spese sostenute per le prestazioni rese dal biologo nutrizionista perché, ancorché lo stesso non si qualifichi come medico o sia inquadrabile tra le professioni sanitarie, di cui al dm 29/03/2001, la professione è stata inserita nel ruolo sanitario del Servizio sanitario nazionale (SSN).

Interessi passivi su mutuo. Il contribuente che stipula un mutuo per l’acquisto di un’unità immobiliare adiacente alla propria abitazione principale con l’obiettivo di accorparle, può detrarre gli interessi passivi sostenuti, dopo la realizzazione dell’accorpamento, ai sensi della lett. b), comma 1, art. 15 del Tuir. In presenza di un contratto di mutuo, contratto per la costruzione dell’abitazione principale, la quota di interessi sostenuti dal coniuge fiscalmente a carico non può essere detratta dall’altro coniuge.

Ristrutturazione. In assenza di un condominio costituito e di un amministratore e in presenza di un “condominio minimo” (edificio con un numero non superiore a otto condomini) si rende necessario, al fine di fruire del bonus per le parti a comune, di cui all’art. 16-bis del Tuir, richiedere il codice fiscale ed eseguire i relativi adempimenti previsti, eseguendo i bonifici di pagamento con indicazione dello stesso (circ. 57/E/1998). In presenza di bonifici eseguiti con causale errata (riferimenti di natura tributaria), il contribuente può beneficiare della detrazione, se rispetta tutti gli altri adempimenti obbligatori; tale situazione è confermata anche quando, in luogo dei riferimenti per le spese di ristrutturazione sono stati indicati quelli per il risparmio energetico o viceversa.

Bonus mobili. Nessuna detrazione se la spesa è stata collegata all’acquisto di un box pertinenziale (circ. 35/E/2009), se il pagamento avviene tramite bonifico lo stesso deve essere conforme a quello richiesto per la ristrutturazione (bonifico tracciato) ma è possibile eseguire il pagamento con carte di credito e/o di debito, con conservazione dello scontrino “parlante” in luogo della fattura, se lo stesso contiene la descrizione dei beni acquistati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *