Questo articolo è stato letto 13 volte

Riqualificazione delle periferie, solo 24 progetti avviati su 120

Fonte: Sole 24 Ore

di DANIELA CASCIOLA (dal Sole 24 Ore) – In collaborazione con Mimesi s.r.l.

Solo 24 progetti avviati. Gli altri 96 si trovano ancora alla fase iniziale avendo accumulato un «eccessivo ritardo» a causa principalmente dell’avvicendarsi delle modifiche legislative, della complessità dei procedimenti di finanziamento e della discontinuità dell’azione di impulso amministrativo. Sono deludenti risultati del lavoro svolto dalla Sezione centrale di controllo sulle Amministrazioni dello Stato della Corte dei conti che, con la deliberazione n. 13/2019, ha approvato la relazione sullo stato d’avanzamento e i risultati conseguiti riguardo il programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle Città metropolitane e dei Comuni capoluogo di provincia e il piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate. Per il programma, introdotto dalla legge di stabilità per il 2016, e rivolto ad aree urbane in stato di marginalità economica e sociale, degrado edilizio e carenza dei servizi, affidato al Segretariato generale della Presidenza del Consiglio dei ministri, risultano presentati da Comuni e Città metropolitane, e poi approvati, un totale di 120 progetti, pari a un valore di 3881 milioni, di cui 2061 milioni da imputare al bilancio statale.

I primi 24 progetti sono stati avviati mentre, per i rimanenti 96 si è determinato un rallentamento. Il piano, introdotto dalla legge di stabilità per il 2015, ha attribuito ai Comuni la facoltà di elaborare progetti di riqualificazione, costituiti da un insieme coordinato di interventi diretti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale per il miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale. Con il Dpcm 6 giugno 2017 è stato adottato e affidato al Dipartimento delle pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri il relativo «Piano nazionale», dotato di un budget pari a poco più di 268 milioni di euro. In questo provvedimento sono state anche indicate, in relazione a tali disponibilità, le prime 46 amministrazioni comunali beneficiarie dei finanziamenti. L’avviso pubblico per accedere ai benefici è stato pubblicato nell’ottobre 2015 e la fase di valutazione dei 451 progetti ammessi è terminata nell’aprile 2017.

Lo stato di avanzamento del piano risulta ancora in fase iniziale tanto che per i 46 Comuni risulta erogata la somma di 4.776.872,89 euro su un totale impegnato di 16.572.909,66 euro mentre, per i restanti, le procedure di perfezionamento delle convenzioni sono ancora in corso. La Corte, pertanto, suggerisce l’opportunità di intraprendere iniziative che permettano di recuperare i ritardi segnalati, semplificando il quadro di riferimento, sia normativo che procedurale. Sono state inoltre segnalate le necessità dello sviluppo di un sistema di controlli e verifiche «in loco», nonché della predisposizione di indicatori e parametri idonei a valutare l’i mpatto degli interventi realizzati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *