Riordino partecipate, ANCI: “Percorso difficile, ci vorrà tempo ma andiamo avanti”

La scadenza è definita: i Comuni italiani hanno tempo fino al 30 settembre per presentare il piano di riordino delle società partecipate (leggi l’approfondimento del nostro esperto Paola Morigi). Nel frattempo il Governo si aspetta che ne vengano tagliate almeno 3mila, presumibilmente entro fine legislatura. I sindaci sono d’accordo: tuttavia, come ha spiegato il presidente di ANCI Toscana e primo cittadino di Prato Matteo Biffoni, “non sarà semplicissimo e ci vorrà il suo tempo: è interesse di tutti arrivare ad offrire ai cittadini buoni servizi a costi ridotti, razionalizzando e tagliando dove serve, ma tutelando i lavoratori”.
Di questo si è parlato nella giornata di ieri a Palazzo Vecchio a Firenze, nell’affollato incontro intitolato “Il piano straordinario delle Partecipate” organizzato da ANCI Toscana con il Comune di Firenze e Confservizi Cispel Toscana.

L’esempio del Comune di Firenze

“Dopo aver a lungo discusso la nuova norma sui tavoli nazionali – ha proseguito Biffoni –  stiamo portando avanti un percorso che può sembrare impossibile, ma che alla fine abbiamo messo nero su bianco e che oggi presentiamo ai Comuni in maniera puntuale e precisa. Non si può procedere a strappi, ma l’obiettivo è condiviso e lo raggiungeremo in tempi ragionevolmente brevi”.
Un percorso che il Comune di Firenze ha già intrapreso, come precisa l’assessore Lorenzo Perra: “Noi abbiamo presentato il piano il 30 marzo scorso e lo stiamo applicando seguendo una linea di buonsenso, per ridurre e accorpare le società partecipate. E nessuno perderà il proprio lavoro.  Lo abbiamo già fatto per Ataf, per Centrale del Latte, lo stiamo facendo per Silfi e Sas, che verranno accorpate”.

Consulta la Pagina speciale dedicata alla Riforma Madia della Pubblica Amministrazione.

Riordino e razionalizzazione partecipate: il piano

Per spiegare il punto di vista del Governo è intervenuto il sottosegretario alla semplificazione Angelo Rughetti: “Tutte le volte che in passato si è provato a razionalizzare le partecipate non ci siamo riusciti. Ma questa è la volta buona. Abbiamo messo sanzioni pesanti per i Comuni che non adempiono ma anche incentivi, che forse aumenteremo, per i Comuni che sono bravi”.  “Il piano non interessa i servizi pubblici locali come acqua, trasporti, energia – precisa Rughetti – ma per le altre società è necessario intervenire: circa mille sono inattive, circa 3mila hanno consigli di amministrazione più numerosi dei dipendenti. Ci aspettiamo un sistema più ordinato, ed è auspicabile che più Comuni lavorino insieme per aree omogenee. I Comuni abbiano a cuore l’esercizio di svolgere il ruolo di proprietari delle proprie aziende”.

FORMAZIONE
Il nuovo Testo Unico sulle società a partecipazione pubblica
Trento, 12 ottobre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.