Questo articolo è stato letto 8.926 volte

Regolamento Privacy: in arrivo la proroga che differirà la sua piena applicabilità?

Regolamento Privacy:

È disponibile la terza clip video della serie #VersoilGDPR – Notizie, commenti e falsi miti sul Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali (Regolamento Privacy) curata dal nostro esperto Avv. Ernesto Belisario. In questo episodio si affronta una delle leggende metropolitane più diffuse: arriverà una proroga che differirà la piena applicabilità del GDPR?

>> CONSULTA LA PAGINA SPECIALE DEDICATA AL REGOLAMENTO PRIVACY.

Il Regolamento Generale sulla Protezione dei dati personali e la nomina del DPO nella Pubblica Amministrazione

Il Regolamento Generale sulla Protezione dei dati personali e la nomina del DPO nella Pubblica Amministrazione

Stefano Comellini, 2018, Maggioli Editore
Dal 25 maggio 2018 il Regolamento (UE) 2016/679 in materia di protezione dei dati personali è direttamente applicato in tutti i Paesi dell'Unione Europea.L'opera, dopo una breve panoramica delle novità più significative introdotte dal Regolamento, con una particolare attenzione agli...

50,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 thoughts on “Regolamento Privacy: in arrivo la proroga che differirà la sua piena applicabilità?

  1. il garante dice bene infatti il suo provvedimento non blocca nè rinvia l’entrata in vigore del regolamento che resta il 25 maggio nè rimanda le attività ispettive in modo tassativo di 6 mesi, ma FINO a 6 mesi:
    il suo provvedimento del 22 febbraio 2018 parla chiaro “si ritiene opportuno differire l’applicazione del presente provvedimento con riferimento a quanto sopra FINO a sei mesi dall’entrata in vigore del predetto decreto” (Provvedimento che disciplina “le modalità attraverso le quali il Garante stesso monitora l’applicazione del Regolamento e vigila sulla sua applicazione”)

    quindi l’ha scritto chiaramente il garante stesso che l’attività ispettiva è rinviata… però rinviata “FINO” a sei mesi
    che vuol dire tutto e niente….

    https://www.agendadigitale.eu/sicurezza/privacy/gdpr-il-garante-privacy-differisce-di-sei-mesi-i-controlli-su-applicazione/
    in rif. alla smentita del garante:
    https://www.agendadigitale.eu/sicurezza/privacy/gdpr-ecco-perche-riteniamo-ci-sia-stato-un-rinvio-dei-controlli-sulle-aziende/

  2. inoltre il provvedimento è del 22 febbraio e quella frase : “FINO a sei mesi dall’entrata in vigore del predetto decreto” è riferita appunto al “predetto decreto” ovvero al decreto di coordinamento e NON al nuovo regolamento,

    decreto che doveva essere emanato entro breve (a febbraio) cosa che non è stata fatta rimandando sino all’ultimo (tempo max 21 maggio)… quindi il conteggio dei sei mesi doveva/poteva partire prima, in ogni caso il riferimento per la partenza era il decreto

    pertanto la “smentita” del garante è di fatto corretta: il suo provvedimento non rinviava l’attività ispettiva di 6 mesi
    ma fino a sei mesi e non dall’entrata in vigore del regolamento ma dal decreto di coordinamento che ancora attendiamo….

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *