Questo articolo è stato letto 1.012 volte

Referendum costituzionale: data fissata al 29 marzo

Referendum costituzionale: data fissata al 29 marzo

Il Consiglio dei ministri n. 25 del 27 gennaio 2020 ha deciso di indicare la data del 29 marzo per il referendum sulla riforma costituzionale per il taglio dei parlamentari.

Il Consiglio dei ministri ha infatti convenuto sulla data del 29 marzo 2020 per l’indizione – con decreto del Presidente della Repubblica – del referendum popolare previsto dall’articolo 138 della Costituzione sul testo di legge costituzionale recante “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dalle due Camere e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, serie generale, n. 240, del 12 ottobre 2019.

Nel corso del Consiglio dei ministri, inoltre, in occasione della Giornata della Memoria, è stato ribadito l’impegno a promuovere e a rafforzare la memoria dell’Olocausto e a contrastare l’antisemitismo in tutte le sue forme. A tale scopo il Governo fa riferimento al documento IHRA sull’antisemitismo, di cui si è già approvata la definizione, quale punto di partenza per un percorso di ricognizione delle espressioni e delle condotte di antisemitismo, che ha chiesto di avviare alla Coordinatrice nazionale per la lotta contro l’antisemitismo, professoressa Milena Santerini.

>> IL COMUNICATO UFFICIALE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI n. 25.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *