Recovery Plan, ANCI: “Nuova stagione di ricostruzione della PA”

Il segretario generale dell’ANCI, Veronica Nicotra, nel webinar organizzato dall’Associazione, ha illustrato le modalità di assunzione da attuare con il PNRR (Recovery Plan). Nella specie, il segretario ha chiarito che: “I Comuni si sono messi alle spalle una stagione di forte contenimento della finanza pubblica e limitazione delle assunzioni, durante cui il comparto degli enti locali ha perso un esercito di dipendenti: circa 120 mila unità, cioè più di un terzo del personale. A fronte di una domanda di servizi in aumento e con un contesto della spesa per investimento in graduale recupero. Quella che si apre oggi deve essere una stagione di discontinuità rispetto al passato e va vissuta da tutti i Comuni come un’occasione per recuperare gradualmente il terreno perduto, usando le risorse straordinarie e ordinarie per avviare una vera ricostruzione degli apparati amministrativi”.

Ha poi continuato: “In questo momento abbiamo numerose leve disponibili, dalle risorse del PNRR fino a quelle straordinarie che il Governo ha messo a disposizione per alcuni territori, oltre a quelle di bilancio. E’ vero che partiamo da una situazione di oggettiva difficoltà dopo anni di blocco del turnover, ma dobbiamo fare di tutto per evitare il rischio che la discontinuità e le riforme innescate dalla crisi pandemica vengano sprecate perché abbiamo paura delle condizioni attuali”.

Il vicesegretario generale Stefania Dota ha invece evidenziato come la nuova regola assunzionale della sostenibilità finanziaria, entrata in vigore tra marzo e maggio 2020, dopo un decennio di blocco del turnover, ha rappresentato una vera e propria rivoluzione copernicana. “L’impatto di questa regola non è ancora noto, visto che non sappiamo ancora come i Comuni l’abbiano sfruttata ma speriamo che possa portare all’ampliamento delle assunzioni con effetti espansivi sulla spesa di personale”, ha sottolineato. Dota, dopo aver illustrato le condizioni applicative della nuova regola, con il valore soglia e il limite della capacità assunzionali, si è poi soffermata su alcune criticità del suo funzionamento che sono state risolte, in parte grazie alla collaborazione consolidata tra ANCI e Funzione pubblica, e in parte con interventi normativi mirati. Il vicesegretario ha poi dedicato un’ampia panoramica alle diverse regole per le assunzioni a tempo determinato ed indeterminato previste per l’attuazione del PNRR soffermandosi sui contenuti dei d.l. 80 e 172 e sulle novità operative della circolare della Ragioneria dello Stato n. 4 del 18 gennaio 2022.
L’auspicio di ANCI è che i Comuni colgano l’occasione della norma e dei criteri che la circolare fissa – ha spiegato Dota – per cercare di ragionare sulla propria organizzazione in vista della realizzazione dell’intervento a valere sulle risorse PNRR. Siamo convinti infatti che sia possibile tentare un processo autonomo di individuazione degli strumenti migliori da utilizzare. Questo perché le diverse norme previste sono tra di loro complementari. Nulla vieta – ha concluso – che il contratto a tempo determinato impossibile con lo strumento della circolare attuativa del decreto 80 possa essere realizzato invece utilizzando l’art. 31-bis del dl 152”.

Qui il video.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.