Recovery Plan, ANAC: “Troppa rapidità negli affidamenti diretti riduce la concorrenza”

Recovery Plan: secondo il presidente dell’Autorità Anticorruzione (ANAC), Giuseppe Busia, “l’eccesso di rapidità e di affidamento diretto negli appalti riduce la concorrenza e impedisce perfino alle aziende di organizzarsi in tempo per partecipare alle gare, o dar vita a consorzi temporanei di imprese per accedere ai bandi”. Queste le considerazioni del numero uno dell’ANAC in occasione del convegno “Concorrenza o Golden Power? Dai servizi pubblici locali ai settori strategici per lo sviluppo del Paese”, promosso al Senato dalla senatrice Virginia Tiraboschi sul disegno di legge Concorrenza in discussione a Palazzo Madama.

>> CLICCA QUI PER LEGGERE LA NOTIZIA

La questione delle società in house

Tra i temi affrontati da Busia, c’è anche quello delle società in house. “Come Autorità di Vigilanza sui contratti – ha detto il presidente dell’Autorità – chiediamo ci sia una motivazione seria da parte dell’ente prima di avvalersi per ogni gestione di servizi di una propria società in-house. Oggi la maggior parte dei servizi pubblici, specie locali, viene gestite da società di proprietà degli enti, senza alcuna forma di concorrenza e di trasparenza. Noi chiediamo che la Legge sulla Concorrenza spinga gli enti a motivare perché ricorrono all’in house, evidenziando la convenienza economica e sociale di questo. Altrimenti non sappiamo nemmeno se è un vantaggio per la cittadinanza e per i conti pubblici tale ricorso preponderante all’in-house”.

La richiesta al Parlamento

ANAC ha quindi rivolto un appello al Parlamento, chiedendo di inserire “questo obbligo, dando trenta giorni di pubblicità alle imprese e ai cittadini per verificare se effettivamente c’è convenienza da parte dell’ente, o invece sono altre le ragioni che spingono ad un uso così spropositato dell’in-house. L’in-house non può essere un escamotage per sottrarre appalti alla concorrenza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.