Questo articolo è stato letto 68 volte

“Problemi di manutenzione”: l’ipotesi degli ingegneri per il collasso del cavalcavia nel Cuneese

Fonte: La Stampa

Difficile anticipare, prima che Anas e tribunale abbiano fatto eseguire le perizie, quali siano state le cause del crollo. Adriano Scarzella, ingegnere, vicepresidente dell’Ordine degli ingegneri della Provincia di Cuneo e referente per le questioni strutturali: «L’ipotesi più probabile, alla sola luce delle foto che ho visto, è questa: il viadotto pare in parte prefabbricato, cioè composto all’interno da cavi pretensionati. Mi pare abbia ceduto un giunto, nel quale si vedono cavi tranciati. La rottura potrebbe essere stata provocata da problemi di manutenzione. Per esempio, d’inverno lo spargimento del sale crea infiltrazioni d’acqua e grande corrosione dei trefoli, che alla lunga possono essere danneggiati. Cedendo il giunto, si è verificato il cosiddetto “crollo a ginocchio”, cioè il cedimento del giunto dall’altra parte. Questa la spiegazione ingegneristica. Poi possono essercene altre fantasiose. Di certo c’è che gli ingegneri vorrebbero cose ben fatte, soldi sufficienti e manutenzione adeguata».

Il sindaco di Fossano, Davide Sordella, ieri mattina era vicino al viadotto collassato: «Per fortuna non ci sono né morti né feriti. In queste circostanze a me come sindaco spetta prima di tutto di garantire la sicurezza…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *