Questo articolo è stato letto 0 volte

Personale enti locali, Anci a D’Alia: necessaria semplificazione regole e restituzione autonomia a comuni

“Porre all’attenzione del Ministero per la p.a. una serie di questioni concernenti la delicatissima tematica dell’ordinamento del personale alle dipendenze degli enti locali e del sistema di contenimento delle spese di personale”. Questa la ragione che ha portato il Presidente f.f. dell’ANCI, Alessandro Cattaneo e il Delegato alle politiche del personale dell’associazione, Umberto Di Primio ha scrivere al Ministro Giampiero D’Alia.
“Negli ultimi anni – scrivono Cattaneo e Di Primio – l’intervento del legislatore in tali ambiti è stato ripetitivo ed a volte convulso, tanto da disegnare un quadro spesso poco chiaro, caratterizzato da sovrapposizioni e incongruenze. Quanto al tema del contenimento delle spese di personale, i comuni sono destinatari di interventi normativi molto puntuali e restrittivi; i vincoli con i quali sono costretti a fare i conti, relativi alle assunzioni a tempo indeterminato, all’incidenza della spesa di personale sulla spesa corrente, al trattamento economico dei dipendenti, alla spesa per lavoro flessibile, ecc., sono, inoltre, aggiuntivi rispetto all’obbligo di rispettare il Patto di stabilità e molto spesso sono tra loro contraddittori”.
“La situazione inoltre – sottolineano – si è ulteriormente aggravata dal 1 gennaio 2013, quando anche i piccoli comuni sono stati sottoposti al rispetto del Patto di stabilità e dunque sono stati assoggettati a limiti ancora più penalizzanti sulle assunzioni a tempo indeterminato”.
“In questo quadro dunque confuso e molto complesso si è determinata negli Enti una oggettiva difficoltà ad attuare politiche efficienti di gestione del personale e si avverte la forte l’esigenza di una revisione complessiva del sistema di regole che governano il contenimento delle spese di personale nelle amministrazioni locali: occorrono poche regole, rigorose ma coerenti e di ampio respiro, che restituiscano i giusti margini di autonomia ai comuni”.
“A tal proposito – concludono i due rappresentanti dell’ANCI – l’Associazione ha elaborato da tempo alcune proposte normative che, ferme restando l’obiettivo condiviso di rendere efficiente e razionalizzare le spese per il personale, consentano ai Comuni di svolgere le funzioni assegnate dalla legge”.

(Fonte: Anci)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *