Questo articolo è stato letto 7 volte

Omicidio stradale, prescrizione raddoppiata

Fonte: Il Sole 24 Ore

Prescrizione raddoppiata, pena doppia per chi è già stato condannato per guida in stato di ebbrezza ”media” o grave o sotto effetto di droga e applicabilità del nuovo reato anche agli incidenti nautici. Sono le principali novità del disegno di legge sull’istituzione del reato di omicidio stradale (atto Senato 859), dopo la scadenza del termine per presentare emendamenti in commissione Giustizia. Si aggiungono a quelle trapelate la settimana scorsa (Il Sole 24 Ore del 22 aprile) sull’ampliamento del perimetro del nuovo reato ai casi di passaggio col rosso, eccesso di velocità per almeno 50 km/h in extraurbano, circolazione contromano su strade a carreggiate separate e rifiuto di sottoporsi a test su alcol o droga.

Non è improbabile che venga stralciata la parte che riguarda la nautica: la volontà diffusa in commissione è di togliere tutto ciò che rallenterebbe il cammino del Ddl. Potrebbe invece essere inserito l’ergastolo della patente già al primo omicidio (oggi c’è solo per i recidivi), oggetto di alcuni degli oltre 100 emendamenti presentati e non inserito direttamente nel testo perché si attende una valutazione di costituzionalità da parte della commissione Affari costituzionali. Altri emendamenti vorrebbero estendere il perimetro anche alla guida distratta per uso di dispositivi elettronici.

Non è ancora chiaro quali modifiche abbiano più possibilità di essere approvate. Si sa solo che, dopo i pareri delle altre commissioni, si punta a una votazione in commissione Giustizia nel giro di un mese, in modo da arrivare in Aula a giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *