Questo articolo è stato letto 5 volte

Oggi il fondo perequativo da 11 miliardi per i Comuni

Fonte: Il Sole 24 Ore

ROMA – L’attuazione del federalismo fiscale va avanti. In attesa di capire se ci sarà lo sprint atteso dalla Lega oppure una frenata provocata dai nuovi assetti usciti dalle amministrative, sono attesi per oggi altri due tasselli del fisco municipale. La Conferenza Stato-città esaminerà il testo del decreto sul «fondo sperimentale di riequilibrio» che dovrà garantire, da qui al 2013, il finanziamento delle funzioni fondamentali dei Comuni e la loro perequazione. Un “contenitore” (si veda il Sole 24 Ore di sabato scorso) che, stando alle stime della commissione tecnica paritetica (Copaff) guidata da Luca Antonini, varrà 11,2 miliardi. Un quarto di queste risorse (2,8 miliardi) arriveranno dalla compartecipazione all’Iva territoriale che rappresenta l’oggetto del secondo provvedimento atteso in giornata. Una seduta straordinaria della Conferenza unificata si pronuncerà infatti sul Dpcm che fissa la quota di imposta sul valore aggiunto da lasciare sul territorio. Il gettito sarà quello emerso dal quadro Vt delle dichiarazioni dei redditi su base regionale. Che, diviso per il numero di abitanti, darà la dimensione della “torta” su base municipale. Domani intanto riprenderà in bicamerale l’esame del settimo decreto attuativo della riforma. Si tratta del Dlgs che istituisce regole di bilancio uniformi per ogni livello di governo ma che è troppo tecnico per testare l’impatto sulla riforma dello scenario emerso ieri dalle urne. Per avere qualche elemento in più di tipo politico bisognerà attendere il decreto successivo che fissa premi e sanzioni per Regioni ed enti locali ed è atteso in Parlamento nelle prossime settimane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *