Questo articolo è stato letto 27 volte

Nuovo codice appalti, le precisazioni del MIT e dell’ANAC

Il 22 aprile scorso è stato pubblicato un comunicato congiunto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Delrio e del presidente ANAC Cantone sul decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, recante il nuovo codice dei contratti pubblici.
Ecco qui di seguito il testo.
>>> Vai allo Speciale NUOVO CODICE APPALTI 

“A seguito dell’entrata in vigore del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, recante il nuovo codice dei contratti pubblici, pubblicato nella G.U. Serie Generale n. 91 del 19 aprile 2016 – Supplemento Ordinario n. 10, si rende opportuno precisare quanto segue:

1. Ricadono nel previgente assetto normativo, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, le procedure di scelta del contraente ed i contratti per i quali i relativi bandi o avvisi siano stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (GURI) ovvero in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (GUCE) ovvero nell’albo pretorio del Comune ove si svolgono i lavori, entro la data del 18 aprile 2016. 
In caso di contratti senza pubblicazione di bandi o avvisi, restano egualmente  disciplinate dal decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, le procedure di scelta del contraente in relazione alle quali, alla medesima data del 18 aprile 2016, siano stati inviati gli inviti a presentare offerta. 

2. La nuova disciplina in materia di contratti pubblici, dettata dal decreto legislativo 18 aprile 2016 n. 50, come previsto dall’art. 216 dello stesso, si applica alle procedure ed ai contratti per i quali i bandi e gli avvisi con cui si indice la procedura di scelta del contraente siano pubblicati a decorrere dal 19 aprile 2016, data di entrata in vigore del nuovo Codice dei contratti pubblici. 
Tale disciplina trova altresì applicazione, nei casi di contratti senza pubblicazione di bandi o avvisi, alle procedure di selezione in relazione alle quali i relativi inviti a presentare offerta siano inviati a decorrere dalla data del 19 aprile 2016.

3. Gli atti di gara già adottati dalle amministrazioni, non rientranti nelle ipotesi indicate al punto 1., dovranno essere riformulati in conformità al nuovo assetto normativo recato dal decreto legislativo n. 50 del  2016″.

 

CORSO DI FORMAZIONE

Il nuovo Codice dei contratti pubblici
e dei contratti di concessione
D.Lgs. n. 50/2016

Bagnatica (BG), 28 aprile 2016
Montecchio Emilia (RE), 4 maggio 2016
Arona (NO), 10 maggio 2016
Catania, 12 maggio 2016
Olbia, 17 maggio 2016
San Salvo (CH), 24 maggio 2016
Rimini, 25 maggio 2016
Bologna, 25 maggio 2016
Lamezia Terme (CZ), 9 giugno 2016
Firenze, 10 giugno 2016 – nuova data!
Lecce, 14 giugno 2016
Udine, 24 giugno 2016
Ancona, 28 giugno 2016
Potenza, 28 giugno 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *