Questo articolo è stato letto 2 volte

No dell’Anci all’aumento Iva anche per le cooperative sociali

Lorenzo Guerini, sindaco di Lodi e delegato Anci al Welfare, ha commentato con sorpresa e disappunto la notizia dell’aumento dell’Iva dal 4 al 10% sui servizi resi dalle cooperative sociali, “il paventato aumento dell’Iva sui servizi resi dalle cooperative sociali dal 4 al 10% è una notizia che ci coglie di sorpresa e che giudichiamo assolutamente negativa”. Dunque sono rimaste indigeste all’Anci le anticipazioni sui contenuti della legge di stabilità.
Guerini, poi, ha spiegato il suo punto di vista in merito “in un momento in cui i comuni sono molto esposti sul tema della spesa sociale per mantenere la coesione nelle loro comunità e a fronte della recessione di fondi di carattere nazionale che negli ultimi anni ha caratterizzato la politica del governo verso le politiche sociali locali, un aumento così sostanzioso dei costi significa rischiare di mettere in pericolo i conti dei comuni sulle politiche sociali”.
Le cooperative sociali, negli ultimi anni, visti i servizi che offrono alla società, hanno sempre beneficiato di un trattamento agevolato all’interno delle fasce dei tassi dell’Iva, “la decisione del Governo di modificare questo assetto – ha dichiarato Guerini – significa, da un lato non tenere conto della tipologia del servizio reso dalle cooperative sociali e dall’altro lato non tenere conto delle ricadute che questa scelta ha sui bilanci comunali”.
“L’augurio è che questa decisione di cui abbiamo avuto notizia non venga confermata” – ha concluso Guerini – “ma se così non dovesse essere rivolgiamo un appello, innanzitutto al Governo stesso e poi al Parlamento, di individuare una disciplina diversa e mantenere l’Iva resa dalle cooperative sociali al 4% come è stato fino ad adesso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *