Questo articolo è stato letto 4 volte

No all’anticipo Fas sulle assunzioni

Fonte: Il Sole 24 Ore

ROMA – Una fiducia annunciata quella chiesta ieri dal Governo sul decreto sviluppo e su cui oggi si pronuncerà l’Aula della Camera. Ciò che non era del tutto annunciato sono le 14 modifiche, tra correzioni formali (soltanto due), stralci di norme e precisazioni, effettuate dall’Esecutivo al testo licenziato la scorsa settimana dalle commissioni Bilancio e Finanze. Correzioni che, oltre ad aver obbligato l’Esecutivo a depositare in Aula il maxi-emendamento al decreto, secondo la stessa maggioranza sarebbero attribuibili a un nuovo intervento critico del capo dello Stato. È stato lo stesso presidente della commissione Finanze, Gianfranco Conte (Pdl) a criticare duramente la nuova invasione di campo del Colle, sottolineando apertamente in Transatlantico come «non può essere il presidente della Repubblica a decidere cosa entra o non entra in un provvedimento». E sullo stralcio “in corsa” delle misure approvate dalle commissioni Conte ha ribadito a chiare lettere che «il Parlamento va tutelato». La replica dell’opposizione non si è fatta attendere. Il capogruppo Pd in commissione Bilancio Pier Paolo Baretta, ha sottolineato in Aula come «sia inutile che il Governo tiri in ballo il presidente della Repubblica: la responsabilità di tutte le scelte fatte è del Governo. Eppure, dopo oltre 40 voti di fiducia, appare chiara la gravità e il significato di questa scelta». Il riferimento diretto è a una delle norme sostenute dal Pd, inizialmente concordate in commissione con l’Esecutivo, e che ora è stata stralciata dal maxi-emendamento. Si tratta del cosiddetto “emendamento D’Antoni” (Pd), ovvero della possibilità di rendere immediatamente operativo il bonus assunzioni al Mezzogiorno, utilizzando subito il Fas in attesa del via libera di Bruxelles alla copertura del credito d’imposta con il ricorso ai fondi europei. Sui crediti d’imposta, inoltre, viene introdotta una sorta di clausola di salvaguardia sull’utilizzo dell’agevolazione per i nuovi investimenti al Sud: questa sarà spendibile nel limite delle risorse individuate da un decreto interministeriale e i soggetti interessati avranno diritto al credito d’imposta fino all’esaurimento delle risorse finanziarie. Altra novità di rilievo del maxiemendamento del Governo è lo stralcio della responsabilità dei giudici tributari che non si pronunceranno sulle istanze di sospensiva degli accertamenti esecutivi nel termine dei 180 giorni (elevati dai 120 iniziali del Dl durante l’esame delle Commissioni) per l’espropriazione forzata degli agenti della riscossione. Norma questa voluta dalla Lega e sostenuta dall’Economia, ma fortemente contrastata dalle opposizioni. In particolare, Massimo Vannucci (Pd) ha da subito paventato il rischio di una paralisi della giustizia tributaria tutta a danno dei contribuenti. Così se da una parte sono state accolte le doglianze del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria (giunte fino al Colle) su una misura che avrebbe messo a rischio l’attività delle commissioni tributarie, dall’altra restano del tutto disattese le richieste delle imprese su un termine, quello dei 180 giorni, ritenuto fortemente lesivo del diritto di difesa sancito dalla Costituzione. C’è poi da sottolineare come il passaggio dai 120 giorni ai 180 delle sospensive sia del tutto ignorato dalla relazione tecnica che ha accompagnato alla Camera il maxiemendamento. Il termine dei 120 giorni previsto inizialmente dal decreto era stato quantificato dal Tesoro con un onere di cassa di 90 milioni di euro. Onere destinato inevitabilmente a lievitare con lo spostamento a 180 giorni della durata delle sospensive. La mannaia del Governo si abbatte anche sulle graduatorie dei precari della scuola (si veda il servizio qui sotto). Così come scompare la cosiddetta “tassa sull’alta velocità”. Dal maxiemendamento scompare infatti l’articolo 10-bis introdotto dalle commissioni e che prevedeva l’arrivo di un sovrapprezzo al canone per il trasporto di passeggeri sulle linee ad alta velocità. I relativi introiti sarebbero stati destinati alla diminuzione del costo di accesso all’infrastruttura ferroviaria per i servizi oggetto di contratti di servizio pubblico. Scompaiono dal decreto sviluppo anche i sei commi sulla nautica da diporto e sulla patente nautica. Tra queste anche il regime fiscale agevolato (tassazione sostitutiva al 20% per ricavi fino a 15mila euro annui) a chi esercita il noleggio di imbarcazioni da diporto. Stralciate, infine, anche l’obbligo di trascrizione di atti che hanno a oggetto beni immobili relativi a vincoli di uso pubblico o ogni altro vincolo richiesto da strumenti urbanistici comunali. Con il via libera di Montecitorio subito dopo il voto di fiducia, visto che domani la Camera sarà impegnata sulla verifica politica, il Dl approderà “blindato” all’esame del Senato per l’approvazione definitiva che dovrà arrivare entro il 12 luglio.

Le novità del maxi-emendamento

Paletti sull’uso dei Fas per le assunzioni al Sud
Il maxi-emendamento modifica due dei tre crediti d’imposta previsti dal Dl: bonus assunzioni e bonus investimenti. Per il primo viene ora previsto che l’uso dei Fas non possa essere disposto senza il via libera dell’Ue; per il secondo viene stabilito che potrà essere erogato nel limite delle risorse previste in un successivo decreto dell’Economia. Nessuna novità invece per il credito d’imposta alla ricerca.

Via le novità su patenti nautiche e yacht a nolo
Gli interventi più ampi hanno interessato l’articolo 3 che già in commissione aveva perso il diritto di superficie ventennale sulle spiagge. Per i distretti turistici vengono ora ampliati i poteri dell’Economia che potrà delimitarli insieme alle regioni. Saltano invece le semplificazioni in materia di patenti nautici e la possibilità di tassare forfettariamente al 20% il noleggio occasionale di nautica da diporto.

Cancellata la stretta sui giudici tributari
La sospensiva all’accertamento esecutivo (che scatterà dal 1° luglio) viene portata da 120 a 180 giorni come era stato deciso in commissione. Al tempo stesso però viene eliminata la lettera gg-decies) del comma 2 dell’articolo 7 sulla responsabilità dei giudici che non si pronunceranno entro sei mesi. La disposizione mirava a sanzionare le commissioni tributarie «lumaca» per evitare disparità di trattamento tra i vari territori.

Salta il sovrapprezzo sull’alta velocità
Cancellato dal maxi-emendamento governativo l’articolo 10-bis del decreto il sovrapprezzo introdotto dalle commissioni Bilancio e Finanze di Montecitorio sul biglietto per le tratte ferroviarie ad alta velocità. I relativi introiti sarebbero dovuti andare alla diminuzione del costo di accesso all’infrastruttura per i servizi oggetto di contratto di servizio pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *