Questo articolo è stato letto 63 volte

Monitoraggio sulla corretta attuazione della riforma del sistema delle partecipazioni pubbliche

Monitoraggio sulla corretta attuazione della riforma del sistema delle partecipazioni pubbliche

Il Ministero dell’Economia (Dipartimento del Tesoro) proprio questa settimana ha pubblicato il monitoraggio sulla corretta attuazione della riforma del sistema delle partecipazioni pubbliche.
Si tratta di un Rapporto che informa sugli esiti del processo di revisione straordinaria delle partecipazioni detenute dalle pubbliche amministrazioni previsto dal Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica (art. 24 del d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175).
Su un totale di 32.427 partecipazioni “detenute dalle amministrazioni pubbliche, 18.124 sono risultate non conformi al TUSP e quindi avrebbero dovuto essere oggetto di provvedimenti di razionalizzazione”.
Sono inseriti inoltre i dati relativi alle alienazioni delle partecipazioni da parte “delle amministrazioni pubbliche e all’esercizio del diritto di recesso dalle società da esse partecipate”.
Il Rapporto afferma che 3.117 partecipazioni sono state dichiarate cedibili dalle amministrazioni partecipanti. Per 572 casi (il 18% del totale) è stato comunicato il buon esito della procedura, “anche a causa delle molteplici incertezze riscontrate nella prassi operativa di scelta della modalità di individuazione dei potenziali acquirenti”.
Per 568 partecipazioni, inoltre, le amministrazioni hanno comunicato nei provvedimenti di revisione straordinaria la volontà di esercitare il diritto di recesso dalle società entro il 30 settembre 2018, ma soltanto in 178 casi (pari al 31%) è stato poi effettivamente comunicato l’esito positivo della procedura.

>> CONSULTA IL RAPPORTO INTEGRALE SULLE PARTECIPAZIONI PUBBLICHE.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *