Manovrina 2017: il testo dell’audizione UPI

Anche l’UPI era presente questa settimana in audizione dinnanzi alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato in merito al decreto legge 50/2017, la cosiddetta Manovrina 2017. Ecco una sintesi dei temi sollevati in merito al contenuto del decreto legge 50/2017 (consulta il documento di sintesi).
“Quando nel 2014 Governo e Parlamento hanno deciso di sottrarre alle Province e alle Città metropolitane 3 miliardi di euro, un prelievo forzoso che la Corte dei conti ha definito manifestamente irragionevole, hanno tagliato le risorse necessarie per assicurare a tutti i cittadini servizi essenziali e sicurezza nelle 5.100 scuole superiori frequentate da 2 milioni e mezzo di studenti così come nei 130mila chilometri di strade provinciali. Faccio appello alla vostra responsabilità di parlamentari di fronte ai cittadini: questo decreto legge, se non interviene il Parlamento, contiene risposte del tutto insufficienti e inadeguate”. Ad affermarlo il Presidente dell’UPI (Unione delle Province d’Italia), Achille Variati.

Manovrina 2017, bilanci delle Province: i nodi

“La Sose, la società del Ministero dell’economia – ha detto Variati ai parlamentari –  ha attestato che i tagli operati dal Governo hanno creato nel 2017 un buco di 650 milioni di euro nei bilanci delle Province. Uno squilibrio che riguarda esclusivamente la spesa necessaria per assicurare, al massimo dell’efficienza, i servizi di manutenzione, gestione e messa in sicurezza di strade provinciali, scuole superiori, e gli interventi per l’ambiente. A copertura di questo squilibrio il Governo ha messo a disposizione in questo decreto 110 milioni di euro. Apprezziamo questo sforzo ma è evidente la totale inadeguatezza di queste risorse.
Così come sono del tutto insufficienti i 100 milioni previsti per gli investimenti sui 130mila chilometri di strade provinciali, la cui inadeguatezza è evidente se si considera che ANAS – come ha avuto modo di dire nell’audizione in Commissione Ambiente il 26 aprile scorso – per gli interventi di manutenzione e investimenti sui 26 mila chilometri di strade in gestione, ha a disposizione 11 miliardi di euro per il quinquennio 2016-2020, cioè circa 2,2 miliardi l’anno.
Ormai da tre anni – ha detto Variati – Governo e Parlamento provano con misure tampone a rimediare all’errore commesso con la Legge di stabilità del 2015, lasciando le Province in una situazione di emergenza e di precarietà che non ci permette di fare alcuna programmazione.

Le richieste dell’UPI

Vi chiediamo – ha concluso Variati presentando le richieste di modifica al Decreto legge – di incrementare le risorse per i servizi essenziali, dando seguito a quanto da voi parlamentari richiesto nelle risoluzioni al Def, nel quale avete impegnato il Governo a garantire l’effettivo esercizio delle funzioni fondamentali da parte delle Province e delle Città metropolitane, anche mediante l’attribuzione a carattere strutturale di adeguate risorse finanziarie”.

>> CONSULTA IL DOCUMENTO RELATIVO ALL’AUDIZIONE UPI IN MERITO AL DECRETO LEGGE 50/2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.