Questo articolo è stato letto 28 volte

L’insostenibile dubbio: fare il sindaco o il manager?

Fonte: Italia Oggi

L’elezione a sindaco nella propria città è incompatibile con l’incarico di dirigente in una società a partecipazione pubblica di livello regionale. Lo ha stabilito il tribunale del lavoro di Milano (giudice Giulia Dossi) nella sentenza n. 2084/2017 dello scorso 13 luglio.
Il contesto di riferimento è quello, notoriamente complicato, del rapporto di lavoro nelle società in controllo pubblico, nel quale coesistono, con le ordinarie norme di diritto del lavoro applicate alla generalità delle società di diritto privato, molteplici disposizioni di matrice pubblicistica che introducono elementi di estraneità del tutto peculiari, fonte di non pochi problemi sul piano interpretativo ed applicativo. E proprio una di queste è stata portata all’attenzione della magistratura milanese, che per prima si è pronunciata sulla materia.
La vicenda ha riguardato un dirigente di una nota società in controllo pubblico regionale attiva nel mercato delle concessioni autostradali, che aveva contestato al proprio dipendente l’incompatibilità tra la neocarica di sindaco di un comune della regione Lombardia e il ruolo dirigenziale rivestito in azienda…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *