Questo articolo è stato letto 23 volte

Legge Europea 2018: le modiche della Commissione politiche UE

Legge Europea 2018: le modiche della Commissione politiche UE

L’iter della Legge Europea 2018, principale strumento di adeguamento periodico della legislazione nazionale agli standard comunitari, sta entrando nella sua fase conclusiva. Come evidenziato dal dossier Dipartimento Affari Comunitari ID0005c (8 marzo 2019), infatti, “il disegno di legge A.C. 1432, recante “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2018”, è stato trasmesso dal Senato della Repubblica il 10 dicembre 2018 dopo l’avvenuta approvazione, con modificazioni rispetto al testo del Governo”, dopodiché “la Commissione politiche dell’Unione europea – iniziato l’esame il 9 gennaio 2019 – lo ha concluso il 21 febbraio 2019, apportandovi modifiche (A.C. 1432-A)”.

Le novità

L’articolato del disegno di legge europea 2018, quale approvato dapprima dal Senato e poi modificato dalla Commissione in sede referente, contiene 22 articoli (suddivisi in 8 capi) che modificano o integrano disposizioni vigenti dell’ordinamento nazionale per adeguarne i contenuti al diritto europeo e per far fronte a procedure di infrazione. Si compone di disposizioni aventi natura eterogenea che intervengono nei seguenti settori:

  • libera circolazione di persone, servizi e merci (capo I, articoli 1-7);
  • giustizia e sicurezza (capo II, articolo 8);
  • trasporti (capo III, articoli 9 e 10);
  • fiscalità, dogane e aiuti di Stato (capo IV, articoli 11-14);
  • diritto d’autore (capo V, articolo 15);
  • tutela della salute umana (capo VI, articoli 16 e 17);
  • ambientale (capo VII, articoli 18-21).

>> CONSULTA LA RELAZIONE TECNICA DELLA CAMERA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *