Questo articolo è stato letto 0 volte

Legge di stabilità: Camera e Senato approvano i nuovi obiettivi sul deficit

Le modifiche alla nota sul Def che recepiscono le richieste di Bruxelles (4,5 miliardi di euro in più per raggiungere gli obiettivi di bilancio) sono state votate da Camera e Senato: a Montecitorio il Governo ha ottenuto 291 voti favorevoli e 151 contrari, a Palazzo Madama, 165 voti favorevoli contro 90 contrari. Qui, il risultato ha superato le aspettative. Nella versione precedente, infatti, il Governo aveva incassato i 161 sì necessari per l’approvazione solamente grazie alla defezione del dissidente cinque stelle Loris Orellana.

In ogni caso, entrando nel merito, il provvedimento accoglie l’indicazione di correggere, nel 2015, di oltre 0,3 punti di Pil il deficit, contro l’ipotesi iniziale di correzione pari a 0,1 punti. Il rapporto deficit/ Pil, dunque, si attesterà sul 2,6 per cento, contro il 2,9 precedentemente previsto. Di conseguenza, l’effetto espansivo della manovra scende a 6miliardi, dai 10,4 precedenti.

Ora la legge di stabilità sarà esaminata dalla Commissione Bilancio delle Camera e approderà in Aula, se tutto andrà come da copione, il 24 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *