Questo articolo è stato letto 0 volte

Legge di stabilità 2015: nella Relazione tecnica Tfr, bonus 80 euro, ecobonus

La legge di stabilità 2015 tiene sempre banco in questi giorni di inizio novembre: dopo aver analizzato punto per punto le principali caratteristiche del disegno di legge e aver indicato i probabili emendamenti al testo che ‘scadono’ venerdì 7 novembre prossimo, soffermiamoci sull’ultimo documento reso disponibile dal servizio studi di palazzo Chigi in collaborazione con il Tesoro, ossia la relazione tecnica alla prossima legge di bilancio.

La relazione tecnica sulla legge di stabilità 2015 è il documento esplicativo e illustrativo di quello che potrebbe essere l’impatto sull’economia e sulla società delle misure contenute nella legge di stabilità, articolo per articolo, e spiegate nella loro applicazione operativa.

Giusto per esemplificare, si prenda ad esempio la tabella che sintetizza la conferma del bonus di 80 euro in busta paga, assieme al bonus bebè o bonus neo mamme che riguarderà circa 400 mila nuclei familiari nel 2015.

Relazione tecnica legge di dtabilità: in pillole

Tfr. La possibilità di richiedere il Tfr in busta paga lascerà facoltà ai lavoratori dipendenti diassorbire mensilmente la quota di liquidazione maturata dal prossimo primo marzo 2015 alla fine di giugno 2018. Si tratta di una misura sperimentale, che comunque vede confermata l’imposizione fiscale e non contributiva.

Irap. Argomento cardine della Legge di Stabilità 2015 è il taglio dell’Irap alle imprese, comprensivo di tutti gli effetti seguenti il cambio di aliquota e l’esenzione della parte relativa al costo del lavoro.

Bonus edilizia. Non manca alla lista l’intervento che conferma per altri dodici mesi le detrazioni per chi realizza lavori di ristrutturazione o di riqualificazione energetica: per tutto il 2015, le agevolazioni resteranno al massimo.

Bonus assunzioni. C’è anche l’innalzamento del bonus contributivo a 8 mila euro dagli iniziali 6 mila ipotizzati prima dell’arrivo della legge di stabilità in Parlamento.

(Fonte: Comuni.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *