Questo articolo è stato letto 319 volte

Legge di Bilancio 2018, ANCI: “Ai Comuni servono 200 milioni di risorse aggiuntive”

Legge di Bilancio 2018. Comuni

Attraverso comunicato emesso nella giornata di ieri l’ANCI Lombardia ha reso noto che l’Associazione dei Comuni in audizione presso le commissioni Bilancio riunite al Senato per fare il punto sulle osservazioni dei Comuni in merito alla prossima Legge di Bilancio, tramite il Presidente Antonio Decaro, stima che le risorse aggiuntive necessarie ai Comuni, “nelle more di un auspicato riordino delle entrate proprie e della determinazione di nuovi fabbisogni standard, ammontino ad almeno 200 milioni di euro“.
A parere del  rappresentante ANCI è necessario estendere le norme straordinarie degli scorsi anni, in particolar modo per il rinnovo delle misure straordinarie di sostegno agli equilibri di bilancio, peraltro già adottato negli ultimi 3 anni; l’istituzione di un tavolo politico-tecnico di confronto con il Governo, per il coordinamento delle politiche urbane, con formalizzazione del comparto autonomo delle Città metropolitane; l’istituzione dell’addizionale portuale e aeroportuale; norme di facilitazione delle assunzioni; ampliamento alle metropoli del fondo di sostegno per le penali da estinzione totale o parziale di debiti; norme sulla gestione delle dismissioni societarie, e la ristrutturazione dei debiti di dimensioni più rilevanti.

I nodi da sciogliere

Il numero uno dell’ANCI ha quindi considerato cosa ancora pesa sul bilancio degli Enti locali, sostenendo che “gli oneri per il rinnovo dei contratti del personale, gli effetti restrittivi della nuova contabilità, l’alto costo del debito, il prolungato congelamento dell’autonomia tributaria locale ed il progressivo avvio della perequazione, sono i principali elementi che concorrono a determinare una forte sofferenza negli equilibri finanziari di parte corrente, sui quali chiediamo soluzioni coerenti”. Per questa ragione, l’ANCI chiede di “accompagnare la crescita degli investimenti con ulteriori misure: spazi finanziari aggiuntivi e semplificazione di alcune regole contabili che ostacolano o impediscono l’utilizzo degli accantonamenti”.

La necessità di stabilità

Il presidente dell’Associazione dei Comuni ha continuato evidenziando come il fondo IMU-TASI, essenziale per i bilanci di circa 1.800 enti, “continua ad essere assegnato anno per anno e deve invece essere stabilizzato”. Decaro ha ricordato come “il fondo ristora il maggior gettito che i Comuni incassavano con l’IMU 2013, poi abbattuto con i vincoli introdotti insieme alla TASI. Dai 625 milioni del 2014 si è via via passati ad appena 300 nel 2017, confermati per il 2018 dal ddl Bilancio”. E’ pertanto “necessario stabilizzare queste risorse rendendole inoltre valide ai fini dei saldi di pareggio di bilancio”.

Lente d’ingrandimento sulle Città Metropolitane

Per Decaro è inoltre opportuno prevedere l’estensione ai Comuni e alle Città Metropolitane degli strumenti utilizzati per la ristrutturazione del debito regionale, come è stato fatto con il d.l. 66/2014. Il Presidente ANCI ha quindi segnalato che al momento “la situazione di fondo dei bilanci delle Città Metropolitane risulta essere molto provata nonostante la sostanziale sterilizzazione dei tagli incrementali 2016 e 2017”. Le Città Metropolitane delle Regioni a statuto ordinario hanno infatti subito tagli per quasi 1 miliardo nel periodo 2010-2016, con una sforbiciata, rispetto alla spesa corrente preesistente del 39%, con punte del 60%.

>> CONSULTA LO SPECIALE SULLA LEGGE DI BILANCIO 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *