Questo articolo è stato letto 0 volte

Imu e Tasi del non profit, aperti i canali telematici

Fonte: Italia Oggi

<p>Aperti i canali telematici per l’invio della dichiarazione Imu e Tasi da parte degli enti non profit. Gli enti non commerciali che intendono fruire dell’esenzione dall’imposta municipale e dall’imposta sui servizi indivisibili, infatti, devono presentare la dichiarazione al comune sul cui territorio sono ubicati gli immobili da loro posseduti entro il prossimo 30 novembre. Da ieri &egrave; possibile trasmetterla in via telematica attraverso i canali Entratel e Fisconline. Lo ha reso noto un comunicato pubblicato sul sito del ministero dell’economia e delle finanze. Dunque, dopo la proroga del termine per la presentazione della dichiarazione Imu e Tasi dal 30 settembre al 30 novembre, disposta dal decreto del Mef emanato il 23 settembre, viene data agli enti non profit la possibilit&agrave; di denunciare per via telematica, a poco pi&ugrave; di un mese dalla scadenza, gli immobili posseduti che hanno le caratteristiche per fruire, in tutto o in parte, dell’esenzione. Entrambi i tributi sono soggetti alla stessa disciplina di legge che detta requisiti e condizioni per ottenere l’agevolazione. Va ricordato che con decreto ministeriale del 26 giugno scorso, pubblicato sulla Gazzetta Uffi ciale n. 153 del 4 luglio, con il quale &egrave; stato approvato un modello ad hoc con relative istruzioni per l’uso, viene concessa un’espressa deroga consentendo a questi soggetti di presentare un’unica dichiarazione per questi due tributi entro il 30 settembre, anzich&eacute; entro il termine ordinario del 30 giugno, relativamente agli anni 2012 e 2103. Il termine per l’invio telematico stabilito ex lege, infi ne, &egrave; stato differito al 30 novembre. Nelle istruzioni ministeriali viene precisato che l’obbligo &egrave; imposto solo agli enti che intendano fruire dell’esenzione Imu e Tasi, totale o parziale, mentre per tutti gli altri il termine di scadenza &egrave; quello ordinario, vale a dire il 30 giugno dell’anno successivo rispetto a quello in cui si ha diritto a fruire dei benefici fiscali. Termine che per il prossimo anno deve essere osservato da tutti senza alcuna distinzione.</p>

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *