Questo articolo è stato letto 1 volte

Imu agricola, prima rata entro il 30 ottobre

Il pagamento della prima rata dell’Imu agricola 2015 potrà avvenire entro il 30 ottobre senza sanzioni e interessi. Arriva con un emendamento di Antonio Azzollini al decreto enti locali (d.l. 78/2015), approvato martedì notte dalla Commissione bilancio del Senato, la buona notizia tanto attesa dai contribuenti che dopo il caos dell’anno scorso, conclusosi solo il 31 marzo con il termine ultimo per pagare tutta l’Imu 2014 senza interessi e sanzioni (la scadenza in realtà era il 10 febbraio), rischiavano di essere chiamati alla cassa meno di tre mesi dopo per versare l’acconto 2015 entro il 16 giugno.

L’emendamento Azzollini, invece, riapre i termini per pagare la prima rata e fa in questo modo respirare i proprietari chiamati ad applicare le novità previste dal d.l. 4/2015 per questo anno di imposta, tra cui la detrazione fino a 200 euro a favore dei comuni appartenenti alla cosiddetta “collina svantaggiata”.

L’esame inCommissione bilancio ha subìto ieri un forte rallentamento per via del calendario dell’aula. Di fatto i lavori sono ricominciati nel tardo pomeriggio, senza che però governo e relatori avessero ancora raggiunto un accordo su quali proposte di modifica approvare del corposo fascicolo di emendamenti parlamentari accantonati tra lunedì e martedì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *