Questo articolo è stato letto 4 volte

Ici trasparente. Anche in piazza di Spagna

Fonte: Avvenire

Quando sente parlare di Chiesa che non pagherebbe l’Ici, a fratel Carlo Conti quasi scappa da ridere. Un riso amaro, naturalmente. Perché a chi, come lui, ogni anno versa nelle casse del Comune di Roma circa 90mila euro, in ottemperanza alle norme su quella che un tempo era l ‘Imposta comunale sugli immobili e ora sta per diventare Imu, quelle false accuse rischiano di aggiungere la classica beffa al “danno”.
Fratel Carlo Conti è l’economo della Congregazione dei Fratelli delle Scuole Cristiane, l’ordine religioso fondato nel 1680 da San Giovanni Battista de La Salle che fin dall’origine opera nel mondo dell’istruzione. E a Roma, più precisamente nella centralissima Piazza di Spagna, i lasalliani hanno una delle loro scuole più prestigiose, l’Istituto De Merode, insieme con altre proprietà. «Naturalmente – spiega il religioso – per l’unità immobiliare che ospita la scuola, attività esente dall’Ici, non paghiamo nulla. Ma per le altre unità osserviamo scrupolosamente la legge». Gli altri immobili sono un piccolo albergo e alcuni locali dati in affitto a uno studio di progettazione ingegneristica di un’impresa edile. Risultato, ai fini dell’Ici, i 90mila euro di cui sopra. «Mi dispiace che chi ha lanciato questa campagna denigratoria contro la Chiesa, parli senza conoscere i fatti – afferma fratel Carlo -. Noi l’Ici la paghiamo secondo quanto stabilito dalle norme vigenti. Se poi c’è qualcuno che, spinto da uno spirito laicista, vuole cambiare le regole, cancellando alcune o addirittura tutte le aree di esenzione oggi esistenti, sappia che questo andrà a discapito dei più poveri». L’affermazione di fratel Conti potrebbe suonare sorprendente, soprattutto considerando che il De Merode viene comunemente etichettato come una «scuola per ricchi» e gli altri immobili si trovano in una delle zone più “in” di Roma. Ma questo è il classico caso in cui bisogna saper andare oltre le apparenze e guardare il quadro nel suo complesso. Con i suoi 800 alunni distribuiti tra elementari, medie, liceo classico liceo scientifico, il De Merode è infatti il capofila economico del sistema scolastico lasalliano, che comprende una quindicina di istituti in tutta Italia. «Gli utili della scuola di piazza di Spagna – sottolinea l’economo – vengono reinvestiti per sostenere l’attività di altre strutture educative, che accolgono allievi provenienti da famiglie disagiate, svolgendo così un servizio sociale di grande utilità». È il caso, ad esempio, della Comunità di inserimento “Casarcobaleno” di Scampia, a Napoli, dove al pomeriggio bambini e ragazzi che altrimenti starebbero per strada (con tutti i pericoli conseguenti) vengono assistiti gratuitamente per fare i compiti. Oppure della scuola materna, elementare e media gestita dai Lasalliani ad Acireale e aperta agli scolari segnalati dal comune o dai centri di assistenza sociale. Ma la mappa completa è molto più ampia e comprende anche una scuola di Pompei, il centro giovanile di Regalbuto in provincia di Enna, la Casa del Fanciullo di Monserrato , nei pressi di Cagliari, e altri istituti. I bambini, gli adolescenti e i giovani che frequentano queste strutture (spesso gratuitamente o pagando rette molto basse) lo possono fare anche perché esiste il De Merode di piazza di Spagna. Ecco perché, sottolinea fratel Conti, l’attacco alla Chiesa sull’Ici rischia di ritorcersi contro i meno abbienti.
«Pensate a quali conseguenze porterebbe – afferma infatti il religioso – la chiusura delle nostre scuole.
Sarebbe un danno per la società civile, dato che dovremmo licenziare professori e personale non docente, e anche per lo Stato, che dovrebbe assicurare l’istruzione anche agli allievi provenienti dalle scuole chiuse».
Così, dunque, le apparenze rivelano la reale sostanza. E fratel Conti aggiunge un’ultima annotazione: «Noi continuiamo a credere nell’educazione. E se davvero volessimo fare business, in piazza di Spagna a Roma non ci faremmo una scuola».

VICENZA Dalla Chiesa diocesana 400mila euro l’anno La Chiesa diocesana di Vicenza paga oltre 400mila euro l’anno di Ici sulle strutture di proprietà, comprese le case di accoglienza dove vengono ospitati i ragazzi di Chernobyl, i profughi della Libia, bambini e famiglie in difficoltà. Parola del vescovo di Vicenza, Beniamino Pizziol. Soffermandosi, poi, sulle proprietà delle parrocchie Pizziol ha aggiunto: «Se mi accorgo che un prete non la paga per una struttura che è a uso commerciale lo faccio pagare» e «deve farlo anche se nell’ex canonica ospita, a titolo gratuito, una famiglia che ha bisogno di aiuto».

TORINO L’arcivescovo Nosiglia: mistificazioni E d’ora in poi lo dimostreremo Sul tema Ici & Chiesa è stata fatta una campagna «mistificatoria». Lo ha detto l’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia. «La Chiesa – ha aggiunto – paga l’Ici. Paghiamo milioni di euro dove ci sono lasciti e donazioni, insomma dove c’è un profitto. Mettere l’Ici sulle parrocchie e gli oratori, così come sugli enti e associazioni no profit, sarebbe come mettere una tassa sui poveri». Ai parroci, ha assicurato comunque Nosiglia, «quando faranno il bilancio ho detto di specificare di scrivere alla voce tasse anche la parola Ici per dimostrare che la pagano».

FIRENZE I radicali ammettono: la diocesi è in regola La campagna dei Radicali è approdata a Firenze, presentata martedì in Palazzo Vecchio dal segretario nazionale Mario Staderini. Nel mirino una serie di istituti religiosi che svolgono servizio di pensionato: il consigliere comunale Tommaso Grassi ha fatto qualche telefonata per chiedere il prezzo di una camera sostenendo di poter dire che quelle contattate svolgono un servizio alberghiero. Nessuno ha però verificare se gli istituti svolgano anche altre attività (assistenziali, educative, religiose…). Staderini ha dovuto ammettere invece che gli immobili della diocesi di Firenze risultano in regola con l’Ici Sono sempre di più le testimonianze della correttezza fiscale dei più svariati soggetti cattolici – diocesi, parrocchie, movimenti -. C’è però il rischio che si perda di vista il quadro complessivo, sia della normativa che della polemica, più volte rinfocolata ad arte. Ecco l’utilità del dossier online e accessibile dalla home page di www.avvenire.it. In esso troverete dati, commenti, lettere, storie e contributi multimediali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *