Questo articolo è stato letto 335 volte

I servizi pubblici locali dopo la delega Madia

Fonte: Diritto dei servizi pubblici

di BRUNO SPADONI

Attraverso l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto legislativo recante il Testo Unico sui servizi pubblici locali di interesse economico generale, dopo i pareri favorevoli della Conferenza Unificata, del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari competenti, sembrava essere finalmente pervenuti al termine della lunga fase di incertezza e di instabilità che ha caratterizzato l’assetto normativo del settore. Questo Testo Unico, infatti, come si vedrà, si configurava come una stabilizzazione in forma organica delle disposizioni in essere, in particolare di quelle intervenute nell’ultimo quinquennio a seguito sia dell’emanazione delle direttive europee in materia di appalti e concessioni (le Direttive 23 e 24 del 2014), sia del varo del nuovo Codice dei Contratti pubblici (d.lgs. 50/2016 integrato e corretto con il d.lgs. 56/2017), sia di una serie di disposizioni sul tema tra cui, in particolare, quelle contenute nelle leggi di stabilità 2014 e 2015 (l. 147/2013 e l. 190/2014)…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *