Questo articolo è stato letto 80 volte

Focus Manovra 2020/1 – Scadenze sprint sui progetti: richieste entro il 15 gennaio

Fonte: Sole 24 Ore

di PATRIZIA RUFFINI (dal Sole 24 Ore) – In collaborazione con Mimesi s.r.l.

È il fondo sviluppo capacità progettuale la novità di interesse immediato per i Comuni nella Legge di Bilancio 2020. Per favorire gli investimenti e finanziare la spesa di progettazione definitiva ed esecutiva per interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, di messa in sicurezza ed efficientamento energetico delle scuole, degli edifici pubblici e del patrimonio comunale, e per la messa in sicurezza di strade sono previsti contributi soggetti a rendicontazione per 85 milioni di euro nell’anno 2020, con stanziamenti crescenti negli anni successivi (128 nel 2021, 170 nel 2022 e 200 milioni l’anno dal 2023 al 2034). Per accedere al fondo i Comuni dovranno richiedere il contributo al ministero dell’Interno, entro il termine perentorio del 15 gennaio dell’esercizio di riferimento del contributo. La domanda dovrà contenere le informazioni riferite al livello progettuale per il quale si chiede il contributo, il codice unico di progetto (Cup) dell’opera che si intende realizzare; le informazioni necessarie per permettere il monitoraggio complessivo degli interventi.

Ciascun Comune potrà inviare fino a un massimo di tre richieste di contributo per la stessa annualità e la progettazione dovrà riferirsi, nell’ambito della pianificazione comunale, a un intervento compreso negli strumenti programmatori del Comune o in altro strumento di programmazione. Entro il 28 febbraio il ministero dell’Interno, di concerto con il Mef, determinerà l’ammontare del contributo attribuito a ciascun Comune. L’assegnazione terrà conto del seguente ordine di priorità: messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico; messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti; messa in sicurezza ed efficientamento energetico degli edifici, con precedenza per quelli scolastici, e di altre strutture di proprietà dell’ente. In caso di risorse insufficienti l’attribuzione sarà effettuata a favore dei Comuni che presentano la maggiore incidenza del fondo di cassa sul risultato di amministrazione. Le informazioni sul fondo di cassa e sul risultato di amministrazione sono desunte dal prospetto dimostrativo allegato al rendiconto della gestione trasmesso alla banca dati delle amministrazioni pubbliche (Bdap). Gli enti devono fare attenzione al rispetto degli obblighi di invio dei bilanci alla Bdap, perché la norma prevede l’esclusione delle richieste di contributo effettuate dai Comuni che alla data di presentazione dell’istanza (entro il 15 gennaio) non hanno ancora trasmesso i documenti contabili riferiti all’ultimo rendiconto della gestione approvato.

Per i Comuni per i quali sono sospesi per legge i termini di approvazione del rendiconto, le informazioni sono desunte dall’ultimo consuntivo trasmesso alla Bdap. Il Comune beneficiario del trasferimento deve affidare la progettazione entro tre mesi dall’assegnazione. In caso contrario, il Ministero recupererà il contributo. Per il controllo delle attività di progettazione e dei relativi adempimenti si ci avvarrà del sistema di monitoraggio delle opere pubbliche previsto dal Dlgs 229/2011, dove il contributo sarà classificato come «Sviluppo capacità progettuale dei Comuni». L’affidamento della progettazione sarà verificato attraverso le informazioni correlate al codice identificativo di gara (Cig). Infine è previsto anche un controllo a campione da parte del ministero delle Infrastrutture, in collaborazione con il ministero dell’Interno. Nel piatto investimenti di cui si potrà beneficiare già dal 2020 ci sono anche mezzo miliardo all’anno, fino al 2024, per le opere comunali che puntano all’efficientamento energetico, all’illuminazione pubblica e al trasporto sostenibile e 100 milioni aggiuntivi fino al 2022 (che diventano 250 dal 2020 al 2034) per la manutenzione straordinaria delle strade e l’efficientamento energetico
delle scuole di Province e Città metropolitane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *