Questo articolo è stato letto 1 volte

Fini: una detrazione per chi paga l’Imu

Fonte: Il Sole 24 Ore

Il gettito dell’Imu è in linea con le previsioni. Non per questo pare fuori luogo cominciare a ragionare «secondo un principio di equità». Per il presidente della Camera, Gianfranco Fini, una possibile strada in questa direzione potrebbe essere quella di «detrarre in tutto o in parte quanto pagato per l’Imu». Nel corso della presentazione del libro «Lotta di tasse, idee e provocazioni per una giustizia fiscale» di Francesco Delzio, Fini ha posto alcune domande al Governo: «Ha riflettuto sugli incapienti? I cittadini che percepiscono un reddito al di sotto del quale non hanno l’obbligo di pagare l’Irpef, hanno comunque dovuto versare il dovuto per l’Imu».
Per il presidente di Bnl e Assonime, Luigi Abete, è ormai tempo di discutere «su come vada distribuito il carico fiscale in una società moderna». Anche i patrimoni devono concorrere alla fiscalità generale: «Non si vede perchè chi ha un lavoro paghi di più di chi ha una rendita». Il problema della riduzione della pressione fiscale va affrontato su tre fronti: il taglio della spesa pubblica, la lotta all’evasione e appunto la redistribuzione del carico impositivo che riduca «il delta tra tassazione di lavoro, impresa e rendita».
Occorre liberarsi dalla «schiavitù sociale delle tasse, in Italia troppo alte e terribilmente squilibrate», osserva Delzio. E Abete riconosce che forse per la prima volta nel nostro paese si sta assistendo a un «cambiamento di clima» sul tema dell’evasione fiscale. In sostanza, «comincia ad esservi la sanzione reputazionale, che mette in cattiva luce l’evasore, anche al di là dei riflessi giudiziari». Perchè non prevedere la sospensione dei servizi pubblici per gli evasori recidivi, impedendo loro l’accesso «ai servizi per i quali non contribuiscono, compreso quello sanitario salvo il pronto soccorso»? La proposta è del sottosegretario ai Trasporti, Guido Improta.
La realtà – replica il segretrario della Fiom, Maurizio Landini – è che la «lotta di classe c’è già stata, e i lavoratori dipendenti sono quelli che stanno peggio. Impossibile reggere un sistema fiscale come questo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *