Questo articolo è stato letto 118 volte

Eventi e sagre, piovono fondi

Fonte: Italia Oggi

Manifestazioni, sagre, festival e in generale eventi culturali, artistici ed enogastronomici hanno a disposizione una miriade di opportunità per ottenere fondi, sia nazionali che regionali. Gli enti locali possono reperire fondi per fi nanziare questi eventi senza gravare totalmente sui propri bilanci e dando così lustro e visibilità al di fuori del proprio territorio. Gli enti regionali e statali emanano periodicamente questi bandi, da valutare in base alla portata locale, regionale, nazionale o internazionale dell’evento. Di seguito riportiamo alcuni esempi di strumenti per finanziare gli eventi. Domande entro il 31 ottobre per i fondi nazionali. Il ministero per gli affari regionali, il turismo e lo sport concede contributi ai sensi delle leggi 4 agosto 1955, n. 702, e 4 marzo 1958, n. 174. Possono richiedere i contributi statali gli enti pubblici e di diritto pubblico, enti morali e organizzazioni cooperative nazionali debitamente riconosciute per iniziative e/o manifestazioni turistiche che interessino il movimento turistico, ai sensi della legge 4 agosto 1955, n. 702, e successive modificazioni e integrazioni. Inoltre, sono ammessi enti pubblici e di diritto pubblico, enti morali e organizzazioni cooperative nazionali debitamente riconosciute ai fi ni dell’attuazione di iniziative di istruzione e qualifi cazione nel settore del turismo e dell’industria alberghiera, anche a livello universitario, e di iniziative promozionali del movimento cooperativo a livello nazionale e internazionale, ai sensi dell’art. 8 della legge 22 febbraio 1982, n. 44. Infi ne, sono soggetti ammissibili gli enti senza scopo di lucro che svolgono attività dirette a incrementare il movimento dei forestieri o il turismo sociale o giovanile, ai sensi dell’art. 12 delle legge 4 marzo 1958, n. 174. Sono fi nanziabili le manifestazioni e/o iniziative da svolgersi nel secondo semestre dell’anno. L’entità del contributo non può comunque eccedere il 50% della quota partecipativa fi nanziaria dell’ente promotore per le istanze presentate ai sensi della legge n. 702/1955. Per le istanze presentate ai sensi della legge n. 174/1958 l’entità del contributo non può essere superiore a euro 25 mila e non può comunque eccedere l’eventuale defi cit risultante dal bilancio annuale e, nel caso di contributi per manifestazioni e iniziative, il 50% della quota partecipativa dell’ente promotore. Le istanze devono essere inviate entro il 31 ottobre 2014. Lazio, contributo fino a 25 mila euro. Anche la regione Lazio fi nanzia la realizzazione delle manifestazioni legate alle tradizioni storiche, artistiche, religiose e popolari al fi ne dell’attribuzione del patrocinio oneroso ai sensi dell’art. 31, comma 3, della legge regionale n. 26/2007. Possono richiedere il contributo comuni, circoscrizioni di decentramento comunale e Associazioni pro loco. Le istanze devono essere inviate entro il 31 ottobre 2014 e possono ottenere un contributo fino a 25 mila euro. Lombardia, copertura per il disavanzo. Scadrà il 1° dicembre 2014 il termine per richiedere il contributo a fronte di iniziative e manifestazioni di rilievo regionale per le iniziative del secondo semestre dell’anno. Il contributo ai sensi della lr n. 50 del 12 settembre 1986 copre fi no al 40% del disavanzo derivante dalla manifestazione ed è destinato anche agli enti locali. Liguria, contributi per convegni e sagre. La regione Liguria ha emanato i nuovi criteri e modalità per la concessione di contributi, a soggetti pubblici o privati, a sostegno di iniziative turistiche di interesse regionale ai sensi dell’art. 2, c. 1, lett. a) e c) della lr 28/2006. Sono ammissibili a contributo convegni, work shop, conferenze, indagini di mercato, attività promozionali off e/o online, iniziative di marketing e/o d’implementazione dell’offerta turistica, eventi di promozione territoriale ligure, sagre, feste paesane o provinciali, dibattiti, allestimenti pubblici, momenti di confronto e approfondimento. Il contributo copre fi no al 50% delle spese ammissibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *