Questo articolo è stato letto 114 volte

Emergenza Coronavirus: le proposte di emendamento di ANCI-IFEL al Decreto “Cura Italia”

Emergenza Coronavirus: le proposte di emendamento di ANCI-IFEL al Decreto "Cura Italia"

Sono disponibili le proposte di emendamento targate ANCI-IFEL al Decreto “Cura Italia”decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 (recante misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19) ora in fase di conversione in legge.
Al fine di monitorare gli effetti dell’emergenza sanitaria in atto e valutare l’adozione delle opportune iniziative, anche legislative, ANCI propone l’istituzione presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze di un tavolo di confronto con la partecipazione del Ministero dell’Interno e dei rappresentanti dell’ANCI e dell’UPI. Il tavolo di confronto dovrà esaminare, tra l’altro, le modalità di sospensione, con eventuale rinegoziazione, delle rate di mutuo in scadenza nel corso del 2020, nonché delle rate di restituzione dell’anticipazione di liquidità di cui all’articolo 1, comma 10, del d.l 35/2013, da definire con il concorso della Cassa depositi e prestiti entro il 30 aprile 2020. Sotto la lente le perdite di gettito relative alle entrate locali, nonché le esigenze di sostegno alle attività più esposte all’emergenza, compresi i servizi pubblici locali e le società partecipate.
Per approfondire il tema segnaliamo di seguito le osservazioni dell’ANPCI (Associazione nazionale Piccoli Comuni), in merito proprio al contenuto del disegno di legge A.S. 1766 (Conversione in legge del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18).

>> LE PROPOSTE DI EMENDAMENTO ANCI-IFEL.

>> LE OSSERVAZIONI DEI PICCOLI COMUNI SUL DISEGNO DI LEGGE DI CONVERSIONE.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *