Questo articolo è stato letto 195 volte

Edilizia scolastica: le indicazioni operative per gli Enti locali

Edilizia scolastica: le indicazioni operative per gli Enti locali

Il Ministero dell’Istruzione informa che, in attuazione del decreto del MIUR stesso n. 77/2020 di riparto delle risorse, in fase di registrazione alla Corte dei conti, gli Enti locali sono autorizzati ad avviare le procedure per l’affidamento dei lavori, servizi o forniture per l’adeguamento degli spazi scolastici in sicurezza.

Le risorse saranno erogate a favore di Comuni con popolazione scolastica superiore ai 10mila studenti, alle Città Metropolitane e Province come da allegato 1, in acconto nella misura del 50% dell’importo spettante all’avvenuta registrazione del decreto da parte della Corte dei conti. Come riportato dall’ANCI la restante somma residua all’atto della presentazione del rendiconto dell’acconto erogato e della presentazione del certificato di regolare esecuzione/collaudo e delle dichiarazioni di cui modello allegato 2. La documentazione deve essere inviata all’indirizzo di posta elettronica certificata: dgefid@postacert.istruzione.it entro e non oltre il 15 ottobre 2020 al fine di consentire il monitoraggio (art. 265, comma 9, del dl n. 34, convertito nella L.  n. 77).

Le spese ammissibili per gli interventi finanziati riguardano i lavori di manutenzione straordinaria su edifici pubblici destinati ad uso scolastico, nonché per opere murarie, impianti e sistemazioni esterne; acquisto di beni durevoli, come a titolo esemplificativo ma non esaustivo, tensostrutture o strutture modulari per la realizzazione di nuovi spazi; interventi edilizi di adeguamento di edifici pubblici per la creazione di nuovi spazi utilizzabili per la didattica.

>> IL COMUNICATO DEL MIUR.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *