Questo articolo è stato letto 0 volte

Dai precari alla spending: cosa contiene il decreto enti locali

Dovrebbero essere 16 gli articoli del decreto Enti locali atteso nel prossimo Consiglio dei Ministri di martedì. Lo si evince da una bozza di decreto in circolazione.

Si va dalla rideterminazione degli obiettivi del patto di stabilità interno di Comuni, Province e Città metropolitane all’avvio del regime dell’armonizzazione contabile; dall’anticipazione delle risorse ai Comuni a norme sul Fondo di solidarietà comunale 2015; dalla proroga dei contratti dei precari delle Province che hanno sforato il patto di stabilità nel 2014 alla mobilità degli esuberi delle Province; da misure per il patrimonio culturale della nazionale a norme su servizi per l’impiego e in materia di polizia provinciale. 

E ancora: nella bozza di decreto ci sono misure urgenti per i comuni della Regione Calabria, la norma sulla rinegoziazione dei mutui con la Cdp, norme sulla valorizzazione del patrimonio immobiliare, una norma sul fondo di liquidità per il pagamento dei debiti, misure di spending review, disposizioni in materia di anagrafe nazionale della popolazione residente e di carta d’identità elettronica, misure per la funzionalità del processo amministrativo. 

A questa articolazione, si apprende, verrà aggiunta anche la norma sul fondo di perequazione Imu/Tasi alla cui determinazione il governo sta ancora lavorando. Si parla di circa 400 milioni di euro da stanziare a fronte dei 625 milioni del 2014 e chiesti dall’Anci. Le cifre però sono ancora in via di definizione.

(Fonte: Public Policy)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *