Questo articolo è stato letto 5 volte

Consumo del suolo: “Soil Monitor”, la nuova piattaforma per gli Enti Locali

La lotta al consumo del suolo prosegue: è stata ufficialmente lanciata online la piattaforma “Soil Monitor”: si tratta di uno strumento tecnico-scientifico a disposizione gratuitamente di amministrazioni locali, progettisti e cittadini, per conoscere in tempo reale lo stato e il consumo di tutto il territorio nazionale e di singole aree, in maniera tale da orientare le scelte e le decisioni di pianificazione paesaggistica, territoriale e urbanistica, elevando come obiettivi all’orizzonte i temi della sostenibilità, rigenerazione, conservazione e qualità della progettazione.

Uno strumento di conoscenza e corretta pianificazione del territorio, utile anche in relazione all’iter parlamentare del Disegno di legge sul «Contenimento del consumo del suolo», approvato in prima lettura alla Camera. Dall’altro lato, la piattaforma fornisce un valido ed efficace supporto all’azione della nuova legge sugli eco-reati, legge 68/2016, in particolare per la repressione dell’abusivismo edilizio e delle discariche illegali, così come all’attuazione delle altrettanto recenti disposizioni del Collegato Ambiente.
La piattaforma è disponibile sul web, ed è stata sviluppata dai ricercatori del CRISP (Centro di ricerca costituito dall’Università di Napoli Federico II) e dal CNR, , in collaborazione con ISPRA, Geosolutions e Istituto nazionale di urbanistica (INU) e permette il rilevamento e il monitoraggio a livello europeo delle caratteristiche di copertura e uso del territorio per analizzare e quantificare le variazioni di consumo di suolo e di uso agricolo nel tempo, su tutto il territorio nazionale.

La nuova piattaforma consente di analizzare, in concreto e con un elevato grado di dettaglio, l’evoluzione delle condizioni di ogni singola porzione del territorio nazionale, fornendo un quadro conoscitivo del suolo e dei servizi eco-sistemici, non più frammentato, ma omogeneo, certificabile, liberamente accessibile ai decisori politici e ai pianificatori in materia di ambiente, agricoltura, paesaggio e urbanistica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *