Questo articolo è stato letto 276 volte

Consiglieri comunali e impugnazione delle delibere consiliari

Consiglieri comunali e impugnazione delle delibere consiliari

a cura di AMEDEO SCARSELLA

Segnaliamo di seguito la rilevante sentenza del TAR Lombardia (Milano), Sez. II, del 25 gennaio 2019, n. 153 in tema di impugnazione delle deliberazioni consiliari.
Secondo una consolidata giurisprudenza, non sussiste alcuna legittimazione in capo ai consiglieri comunali ad impugnare atti che non risultano direttamente lesivi del proprio munus. Difatti i consiglieri comunali, in quanto tali, non sono legittimati ad agire contro l’Amministrazione di appartenenza, dato che il giudizio amministrativo non è di regola aperto alle controversie tra organi o componenti di organi dello stesso Ente, ma è rivolto a risolvere controversie intersoggettive. L’impugnativa di singoli consiglieri può ipotizzarsi soltanto quando vengano in rilievo atti incidenti in via diretta sul diritto all’ufficio dei medesimi e, quindi, su un diritto spettante alla persona investita della carica di consigliere, dovendosi escludere che ogni violazione di forma o di sostanza nell’adozione di una deliberazione, che di per sé può produrre un atto illegittimo impugnabile dai soggetti diretti destinatari o direttamente lesi dal medesimo, si traduca in una automatica lesione dello ius ad officium.
Ne deriva che la legittimazione al ricorso può essere riconosciuta al consigliere solo quando i vizi dedotti attengano:
a) ad erronee modalità di convocazione dell’organo consiliare;
b) alla violazione dell’ordine del giorno;
c) alla inosservanza del deposito della documentazione necessaria per poter liberamente e consapevolmente deliberare;
d) più in generale, laddove sia precluso in tutto o in parte l’esercizio delle funzioni relative all’incarico rivestito (ex multis, Consiglio di Stato, V, 7 luglio 2014, n. 3446; TAR Campania, Napoli, I, 5 giugno 2018, n. 3710).
Per tali ragioni è inammissibile il ricorso proposto da un consigliere comunale di minoranza per censurare la legittimità di alcune deliberazioni – relative all’adozione e all’approvazione del P.G.T. – non avendo dedotto la lesione del proprio munus, ma evidenziando un’asserita violazione della normativa contenuta nel Testo Unico degli Enti Locali (art. 78, comma 2, del d.lgs. n. 267/2000) sulla prevenzione dei conflitti di interessi tra gli amministratori e gli amministrati.

>> CONSULTA IL TESTO DELLA SENTENZA DEL TAR LOMBARDIA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *