Questo articolo è stato letto 355 volte

Comuni: in arrivo ingenti risorse per la messa in sicurezza del territorio

Comuni: in arrivo ingenti risorse per la messa in sicurezza del territorio

Individuati i Comuni destinatari del contributo previsto dal comma 139, articolo unico, della legge n. 145/2018 (Legge di Bilancio 2019). Il Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’Economia, mediante il decreto 23 febbraio 2021 ha disposto la spartizione delle risorse previste per il 2021 (1,85 miliardi di euro) da investire in opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio.

Il decreto interministeriale del 23 febbraio 2021

Il citato decreto interministeriale 23 febbraio 2021 ha determinato la somma da riconoscere a ciascun ente, secondo il livello di priorità stabilito dalla norma: prima gli investimenti di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico; in un secondo momento le risorse per la messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti, e infine la manutenzione di edifici, in primis strutture scolastiche, e di altre strutture di proprietà dell’ente. Il decreto contiene tre allegati, recanti diversi elenchi di opere ammesse al finanziamento, divise a seconda dello stato di avanzamento delle procedure di erogazione dei fondi.

La procedura

La finestra a disposizione degli Enti locali per trasmettere la richiesta di contributo si è chiusa il 15 settembre 2020. Il limite stabilito per l’importo cui ciascun Comune poteva aspirare era pari a massimo 1.000.000 euro per i Comuni con una popolazione fino a 5mila abitanti, di 2.500.000 euro a fronte di una popolazione da 5.001 a 25mila abitanti e di 5.000.000 di euro per i Comuni con popolazione superiore a 25mila abitanti. In totale, sono pervenute 4.554 certificazioni per un totale di 9.151 progetti ed una richiesta di risorse superiore a 5 miliardi. L’iniziativa nel settore, comunque, non si ferma qui: il comma 139 bis della Legge di Bilancio 2018 ha previsto ulteriori 1.750 milioni di euro per l’anno 2022, da utilizzare per garantire lo scorrimento della graduatoria delle opere ammissibili per il 2021. Infine, altri 450 milioni di euro saranno devoluti nel 2022 ai fini di una nuova procedura di finanziamento. L’elenco dei contributi, con i 2846 interventi di messa in sicurezza del territorio contro il dissesto idrogeologico avviati da 1912 Comuni titolari, è messo nero su bianco da uno degli allegati al decreto di ripartizione delle risorse che Ministero dell’Interno e Ministero dell’Economia hanno completato e che aspetta ora solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *