Questo articolo è stato letto 22 volte

Comuni: assunzioni sbloccate in Veneto, Emilia Romagna, Marche e Lazio

Mediante la nota n. 37870 nella giornata di ieri l’Ufficio per l’organizzazione ed il lavoro pubblico del Dipartimento della Funzione pubblica (presso la Presidenza del Consiglio dei ministri) ha dato piena attuazione all’art. 1, comma 234, della Legge di Stabilità 2016, stabilendo il ripristino delle ordinarie facoltà di assunzione negli Enti territoriali situati nelle 4 Regioni (Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Marche) all’interno delle quali si è completata la ricollocazione del personale soprannumerario di Città metropolitane e Province. Si rammenta al riguardo che la norma richiamata è stata proposta e ottenuta dall’ANCI nel corso dell’approvazione della Legge di Stabilità 2016 al fine di anticipare il prima possibile lo sblocco delle assunzioni di personale, al completamento dei processi di mobilità nelle singole Regioni.

In conseguenza di ciò i Comuni e le Unioni di Comuni collocate in tali Regioni riacquistano la disponibilità anche delle facoltà assunzionali riferite alle annualità 2015 e 2016.

La medesima Nota contribuisce anche a sbloccare le assunzioni relative al personale di polizia municipale per gli Enti locali delle Regioni Puglia e Molise (un provvedimento che in precedenza era già stato disposto per gli Enti locali situati nelle Regioni Basilicata, Marche, Emilia Romagna, Lazio, Piemonte e Veneto).

Disponibile qui la Nota n. 37870 del Dipartimento della Funzione pubblica

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *