Questo articolo è stato letto 170 volte

“Comuni aderenti allo SPRAR da tutelare, il Ministero non tradisca la fiducia dei sindaci”

SPRAR, l’emergenza migranti prosegue con riflessi gestionali di ampio rilievo sugli Enti locali: “Si stanno moltiplicando in questi giorni i casi di mancato rispetto della clausola di salvaguardia, che prevede la tutela dei Comuni SPRAR rispetto a numeri limitati di presenze e all’apertura da parte dei Prefetti di altre forme di accoglienza non concertate con i sindaci. Ci rendiamo conto dell’emergenza, ma il problema non può essere caricato sempre sui Comuni, e sempre sugli stessi”. Ad affermarlo è il delegato ANCI all’Immigrazione, Matteo Biffoni.

SPRAR: i Comuni da tutelare

“Continuiamo a segnalare ogni singola situazione al Ministero, ma le risposte stentano ad arrivare. Si tratta di casi molto gravi e palesi, di Comuni che hanno appena aderito allo SPRAR sulla base di precise rassicurazioni che poi vengono disattese, mettendo i sindaci in una posizione difficile nei confronti della cittadinanza”.
“I patti – prosegue Biffoni – vanno rispettati a maggior ragione a fronte dell’emergenza, in quanto ogni azione contraddittoria in merito alla tenuta dell’accordo, in una fase delicata come quella attuale, incide in maniera negativa non solo sul singolo Comune oggetto della mancata applicazione della clausola, bensì su tutto il territorio nazionale, minando la fiducia dei sindaci. E se i sindaci non si fidano più, ogni strategia di accoglienza diffusa e concordata rischia di venire meno. Il riparto diffuso è possibile, anche a fronte dell’attuale emergenza. E in questo contesto l’adesione allo SPRAR deve essere sempre più una garanzia di accoglienza sostenibile ed efficace. Chi non vi aderisce, può rischiare di subire invii massivi”.
“Ricordiamo che sono ancora almeno due terzi i Comuni che non hanno alcuna forma di accoglienza sul territorio. Siamo con il governo a sostegno di ogni iniziativa a livello europeo, perché l’immobilismo dell’Europa su questo tema è diventato davvero inaccettabile: diciamo basta con le parole, è l’ora dei fatti”.

Necessario un segnale chiaro da parte del Governo

“Da parte nostra, siamo pronti ad appoggiare anche le decisioni più drastiche. Lo SPRAR – conclude il delegato ANCI – è occasione per i sindaci e per le loro comunità di avere una presenza sostenibile, di qualità, trasparente dal punto di vista amministrativo e gestionale. Serve un segnale chiaro da parte del Governo che stiamo guardando entrambi nella stessa direzione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *