Questo articolo è stato letto 29 volte

Come si calcola la base imponibile della TASI 2014

Servizi anagrafici, pulizia e manutenzione delle strade, illuminazione pubblica. Sono tutti servizi indivisibili per il cui finanziamento i contribuenti italiani saranno chiamati quest’anno a versare la nuova TASI 2014, una delle tre teste dell’idra IUC, come ha sapientemente scritto sulle pagine di Ediltecnico.it Mirco Mion, presidente di AGEFIS.
In questo articolo – tratto da Ediltenico.it – forniremo i passaggi per consentire ai lettori di calcolare la base imponibile e quindi di sapere quanto si dovrà pagare di TASI. In un prossimo articolo, invece, daremo le istruzioni per calcolare le modalità di ripartizione della TASI 2014 tra proprietario dell’immobile e affittuario.
Infatti, in tutti i casi in cui l’unità immobiliare è occupata da un soggetto diverso dal proprietario (per esempio un inquilino), la normativa prevede che entrambi debbano versare una quota parte del tributo.
Ma vediamo ora come si calcola l’importo dovuto della TASI 2014 con un esempio.

1. Trovare la rendita catastale dell’immobile

Il primo passo per calcolare la TASI 2014 è quello di recuperare la rendita catastale dell’immobile su cui si pagherà il tributo. Il dato si trova sull’atto di proprietà dell’immobile oppure consultando il servizio di visure catastali dell’Agenzia delle entrate che è diventato gratuito per gli immobili di cui il soggetto richiedente risulti titolare.
Nel nostro esempio, supponiamo che la rendita catastale sia di 1.000 euro.

2. Rivalutazione della rendita catastale

Il secondo passaggio è la rivalutazione della rendita catastale del 5%. La rivalutazione si ottiene semplicemente moltiplicando la rendita catastale per 0,05.

Rivalutazione 5% = Rendita catastale x 0,05

Nel nostro esempio, quindi, la rivalutazione sarà di:

1.000 euro x 0,05 = 50 euro

La rendita catastale rivalutata sarà quindi la somma della rendita catastale di partenza e della rivalutazione. Nel nostro esempio 1.050 euro.

3. Calcolo della base imponibile

La base imponibile, cioè la cifra sulla quale calcolare l’importo da versare per la TASI 2014, si ottiene moltiplicando la rendita catastale rivalutata per un coefficiente, che per le abitazioni civili è 160.

Base imponibile = Rendita catastale rivalutata x 160

Nel nostro esempio, quindi, la base imponibile sarà pari al seguente prodotto:

1.050 euro x 160 (coefficiente) = 168.000 euro

4. Calcolo della TASI 2014

L’ultimo passaggio, quello fondamentale, è il calcolo del corrispettivo da pagare. La cifra è il risultato del prodotto della base imponibile calcolata nel passaggio 3 e l’aliquota TASI decisa dal Comune.

TASI 2014 = Base imponibile x aliquota comunale

Nell’ipotesi che l’aliquota sia dellì1 permille, il calcolo nel nostro esempio diventa:

168.000 euro x 0,001 = 168 euro

Un paio di precisazioni ulteriori sulle aliquote TASI. Ai comuni viene riconosciuta la possibilità di variare l’aliquota, sia in diminuzione che in aumento. Nel primo caso possono decidere anche di azzerarla. Nel secondo caso (aliquota in aumento) l’aumento non può avvenire a condizione che la somma delle aliquote IMU e TASI non superi il 10,6 permille (aliquota massima IMU e aliquota base TASI).
Secondo quanto stabilito nella legge di stabilità 2014, e solo per quest’anno, l’aliquota della TASI 2014 per tutti i tipi di immobile non potrà superare il 2,5 permille del valore catastale degli stessi.

Il pagamento della TASI 2014
Il versamento del tributo è possibile solo tramite Modello F24 o bollettino di conto corrente postale. Con tre diverse risoluzioni del 24 aprile l’Agenzia delle entrate ha istituito i codici tributo di Tari e Tasi.
Per i comuni viene confermata la facoltà di stabilire le scadenze del pagamento della TASI, prevedendo almeno due rate a scadenza semestrale oppure il pagamento in un’unica soluzione entro il 16 giugno di ciascun anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *