Questo articolo è stato letto 0 volte

Col sisma slitta tutto a settembre

Fonte: Italia Oggi

Il versamento di tutti i contributi previdenziali, assistenziali e assicurativi (Inail) sono stati rinviati al prossimo 30 settembre, come pure il pagamento delle rate dei mutui e dei finanziamenti in genere. Ciò in quanto «gli eventi che hanno colpito i residenti dei comuni sono da considerarsi causa di forza maggiore ai sensi dell’articolo 1218 del codice civile, anche ai fini dell’applicazione della normativa bancaria».
In pratica, è stato disposto il differimento dei termini degli adempimenti a carico delle imprese e, per tutti, Irpef, Imu nonché l’eventuale sfratto. Il governo cerca, nel limite del possibile, di agevolare chi opera o comunque vive nel territorio colpito dal sisma di maggio rinviando le scadenze previste dalla legge e, per le imprese turistiche, concedendo deroga al rispetto dei vincoli all’esercizio dell’attività previsti dalla legge regionale. Il decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74 col quale l’esecutivo ha deciso gli «Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012» è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 131 del 7 giugno scorso. Con le disposizioni contenute nell’articolo 8 del provvedimento, il governo cerca di fronteggiare le difficoltà in cui è venuta a trovarsi la popolazione delle zone interessate. Tra l’altro, è stato dato mandato anche all’Autorità per l’energia elettrica di adottare gli atti necessari per la sospensione temporanea, anche se per un periodo non superiore a sei mesi a decorrere dal 20 maggio 2012, dei termini di pagamento delle fatture emesse o da emettere nello stesso periodo, per le utenze situate nei comuni danneggiati dagli eventi sismici. Peraltro, sono stati anche prorogati i termini per la notifica delle cartelle di pagamento e per la riscossione delle somme relative all’imposta sui redditi e all’Iva, da parte degli agenti della riscossione, nonché i termini di prescrizione e decadenza relativi all’attività degli uffici finanziari, compresi quelli degli enti locali e della regione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *