Questo articolo è stato letto 5 volte

Appalti, la qualità non è un ostacolo

Fonte: Italia Oggi

La certificazione di qualità aziendale può essere oggetto di avvalimento negli appalti pubblici. E’ quanto afferma il Tar Campania, Salerno, sezione prima, con la sentenza del 29 aprile 2011 n. 813 che ha esaminato l’applicabilità dell’istituto, chiarendo in primis che la disciplina del Codice «non pone alcuna limitazione all’avvalimento se non per i requisiti strettamente personali di carattere generale». Da ciò quindi la portata generale dell’avvalimento, introdotto nell’ordinamento comunitario e nazionale al fine di rimuovere ogni ostacolo al libero esercizio dell’imprenditorialità e garantire la massima partecipazione alle procedure di gara e la par condicio dei concorrenti. Per quel che attiene lo specifico profilo legato alla certificazione di qualità aziendale, la sentenza lo inquadra come «requisito speciale di carattere (pur sempre) tecnico-organizzativo», in quanto funzionale a garantire la stazione appaltante in fase esecutiva del contratto, rispetto alle modalità di gestione della struttura aziendale e alla sua efficacia sul processo operatore. Il Tar evidenzia come la certificazione di qualità è sempre intesa a garantire la (obiettiva) qualità dell’adempimento e non solo la (mera e soggettiva) idoneità professionale del concorrente pur sempre strumentale alla prima. I giudici quindi non aderiscono alla tesi giurisprudenziale per cui (una volta chiarito che l’avvalimento è la regola e le sue limitazioni le eccezioni) che la detta certificazione debba necessariamente far capo (salvo il riscontro di abusi e la doverosa verifica di effettività) unicamente al concorrente con conseguente impossibilità di ausilio per avvalimento.. Dal punto di vista operativo il soggetto che finirebbe per prestare la certificazione non dovrà limitarsi al prestito del solo «documento» contenente la certificazione, ma sarà tenuto a mettere a disposizione del soggetto avvalente, «il complesso della propria organizzazione aziendale ovvero il complesso di beni organizzati dall’imprenditore per l’esercizio dell’impresa». I giudici ammettono quindi che, in questo caso, l’impresa concorrente possa assumere le vesti di un mero centro di imputazione di rapporti giuridici e limitare la sua attività al coordinamento delle prestazioni dell’impresa ausiliaria. Rimane ferma però la responsabilità di carattere solidale tra l’impresa concorrente e l’impresa ausiliaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *