Questo articolo è stato letto 55 volte

ANCI: “Dalle scelte fatte dai Comuni passa la qualità della vita delle nostre comunità”

ANCI: “Dalle scelte fatte dai Comuni passa la qualità della vita delle nostre comunità”

“Dalle scelte sulla mobilità sostenibile passa la qualità della vita dei nostri cittadini e quindi delle comunità che vogliamo costruire. Su questo tema l’Associazione dei Comuni sta lavorando per fare in modo che le scelte che facciamo sulla mobilità siano innanzitutto un vantaggio per i nostri cittadini regalando loro città e qualità della vita migliori”. Ad affermarlo è Umberto Di Primio vicepresidente ANCI e sindaco di Chieti intervenendo ieri alla Conferenza nazionale sulla mobilità sostenibile, “Un nuovo passo per il futuro delle città”, in corso di svolgimento nella sala degli Elefanti del Comune.

Mobilità sostenibile al centro

A parere del rappresentante ANCI per raggiungere questo obiettivo “abbiamo bisogno di una mobilità che si sostenga soprattutto sotto il profilo della utilizzabilità del trasporto pubblico locale; ma non possiamo certo farlo noi Comuni da soli: è necessario che il governo investa sul trasporto locale per l’innovazione del parco rotabile e per il miglioramento della qualità dei sevizi offerti”. In questo senso il vice presidente ANCI ha evidenziato come sussistano ancora tagli importanti al plafond assegnato dalle singole Regioni: “è necessario che il Governo garantisca alle Regioni tutti i fondi che servono per trasferire i finanziamenti ai Comuni per poter gestire i chilometri da sviluppare nel Trasporto pubblico locale”, è il suo auspicio.
“Il nostro obiettivo è favorire lo sviluppo di città dove uomo ed ambiente convivano in modo equilibrato. Luoghi, dove le auto non diventino predominanti e questo obiettivo – conclude Di Primio – sarà possibile anche superando l’abitudine tutta italiana della mobilità corta di breve raggio affidata in modo esclusivo all’auto privata usata da più persone”.

L’esperienza catanese

Il sindaco di Catania Salvo Pogliese si è detto soddisfatto dell’incontro organizzato dall’ANCI e dal Comune etneo, nell’ambito delle azioni promosse dal Ministero dell’Ambiente a favore della mobilità sostenibile. “In questi anni la mia città ha fatto importanti passi in avanti su sul terreno delle infrastrutture: basti pensare all’allungamento del percorso della metropolitana cittadina che arriverà nel 2025 fino all’aeroporto e nel 2026 fino ad Adrano”. Importante anche lo sforzo per l’adeguamento del parco mezzi: “A regime l’azienda metropolitana dei trasporti potrà contare su 120 autobus, di cui ben 110, acquistati con i fondi Pon Metro, saranno del tutto nuovi”. Così come “il rafforzamento della fermata centrale di Piazza Stesicoro che dal 2016 ha decuplicato la sua utenza, costituita soprattutto da turisti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *