Questo articolo è stato letto 207 volte

Emergenza Coronavirus, ANCI: “Cinque miliardi affinché i Comuni possano andare avanti”

Coronavirus: “Cinque miliardi affinché i Comuni possano andare avanti”

I presidenti delle venti ANCI regionali, coordinati dal presidente di ANCI Marche, Maurizio Mangialardi, e coadiuvati dai segretari e dai direttori delle associazioni territoriali si sono riuniti nella giornata di ieri in videoconferenza con il presidente dell’Associazione, Antonio Decaro, per fare il punto della situazione delle attività svolte dai sindaci e dall’ANCI stessa nell’emergenza Coronavirus. La riunione è servita per mettere a fuoco le proposte che l’Associazione dei Comuni presenta compatta al tavolo di confronto con il Governo e con le Regioni. L’incontro, al quale sono intervenuti anche il presidente del Consiglio nazionale, Enzo Bianco, e il segretario generale, Veronica Nicotra, è stato aperto dalla relazione del coordinatore Maurizio Mangialardi, che ha sottolineato l’importanza e l’efficacia di “un lavoro svolto in collaborazione dagli amministratori locali e dalle articolazioni regionali dell’associazione dei Comuni”.

Nella sua relazione, il presidente Decaro è partito dal calcolo della riduzione della capacità fiscale dei Comuni per via dei provvedimenti assunti dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria. “Considerato il difficile recupero in prospettiva – ha detto Decaro – il Governo deve prendere consapevolezza di una situazione e far fronte, già nel prossimo decreto, alla richiesta di 5 miliardi che gli Enti locali hanno avanzato da tempo per garantire i servizi ai cittadini, anche abbandonando per protesta i lavori della conferenza unificata”.

Nella riunione molti sindaci – tra loro il presidente di ANCI Sicilia e sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il presidente di ANCI Veneto e sindaco di Treviso, Mario Conte, e il presidente di ANCI Liguria e sindaco di Genova, Marco Bucci – hanno condiviso la necessità di rafforzare sempre più una sinergia istituzionale tra livello nazionale e regionale, perché è ormai evidente il ruolo istituzionale e operativo svolto dai sindaci, attraverso l’ANCI, nel risolvere criticità e fronteggiare problemi via via che si presentano in questa complessa situazione. Una particolare attenzione è stata posta sui rapporti con le Regioni. Con riferimento al possibile avvio della cosiddetta “fase due”, è stato ribadito che il ruolo dei sindaci e dei Comuni, in prima linea su molti versanti della ripresa di attività, richiede una capacità decisionale più rapida, uno snellimento degli iter burocratici, strumenti straordinari sulla falsariga di quanto si sta prevedendo per le zone terremotate dell’Italia centrale. Infine, è stata sollecitata un’attenzione specifica sulle misure di sicurezza sanitaria che saranno richieste e il cui impatto finanziario sui bilanci comunali chiederà una specifica riflessione da parte del Governo.

>> LA NOSTRA PAGINA SPECIALE SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *