Questo articolo è stato letto 0 volte

Al via la collaborazione tra ANAC e Corte dei conti per la lotta alla corruzione

Al via una nuova collaborazione con l’ANAC per arginare la corruzione in Italia: dopo quella con il Mef, ora l’ANAC collaborerà anche con la Corte dei conti.

Nel pomeriggio del 20 gennaio scorso, infatti, si è tenuta, presso la sede centrale della Corte dei conti, la riunione di insediamento del tavolo di collaborazione permanente tra la Corte dei conti e l’Autorità Nazionale Anticorruzione

L’iniziativa, concordata tra il Presidente della Corte Raffaele Squitieri ed il Presidente dell’Autorità Raffaele Cantone, risulta quanto mai opportuna in considerazione dell’ampiezza del fenomeno corruttivo e dei guasti che esso determina al sistema economico ed alla credibilità del Paese, imponendo l’attuazione di efficaci sinergie tra le Istituzioni deputate a contrastarlo. 

Nel dichiarato intento di contribuire ad arginare un fenomeno criminale che, per numero di soggetti coinvolti e dispersione di risorse pubbliche, determina riflessi negativi sull’intero Paese, Corte dei conti e Autorità Nazionale Anticorruzione hanno, tra l’altro, convenuto sull’opportunità di adottare iniziative comuni, quali l’individuazione e la condivisione di possibili indicatori di illeciti corruttivi anche ottimizzando l’utilizzo degli strumenti tecnologici a disposizione. 

In un clima di massima e reciproca collaborazione si è concordato di pervenire alla sottoscrizione di un formale Protocollo d’Intesa, che, partendo dalle professionalità, dall’esperienza e dal patrimonio informativo di entrambe le Istituzioni possa divenire un valido esempio di coordinamento e di cooperazione nella lotta alla corruzione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *