Questo articolo è stato letto 1 volte

Agenda Digitale: la Commissione europea stanzia 77 milioni di euro per rafforzare le PMI del settore ad alta tecnologia

La Commissione  europea ha stanziato 77 milioni di euro – sulla base del suo VII programma quadro di R&S (PQ7) – per un’iniziativa innovativa a favore del settore manifatturiero, mirante ad aiutare le piccole e medie imprese (PMI) del settore  ad alta tecnologia nello sfruttamento delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), al fine di aumentare il proprio giro d’affari.

L’iniziativa “I4MS” (TIC per le PMI manifatturiere) aiuterà 200 PMI in tutta Europa, impegnate a ridurre i rischi connessi all’uso di tecnologie avanzate tuttora in fase embrionale o a cercare di attraversare la linea di confine che separa lo sviluppo di un prototipo innovativo da un prodotto di successo sul mercato.
Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea, ha dichiarato: “La comunità della ricerca dell’UE deve essere all’avanguardia nella ricerca in materia di TCI nel  settore manifatturiero. Ed è ancor più importante tradurre questa leadership nella ricerca in miglioramenti della produttività nonché  della competitività dei nostri prodotti e soggetti industriali. Stimolando un’innovazione mirata ed investendo nei nostri maggiori punti di forza nel settore – ovvero le PMI – I4MS colmerà il divario ancora esistente.”
Ufficialmente l’iniziativa “I4MS” verrà lanciata nel luglio 2013; nei prossimi 3 anni essa prevede lo svolgimento di oltre 150 esperimenti di innovazione. L’iniziativa  si rivolge a fornitori e utenti di soluzioni TCI e si articola sulle innovazioni in quattro settori: soluzioni robotiche avanzate, servizi di simulazione ad elevata performance basati sulla nuvola, infrastrutture intelligenti che utilizzano sensori e applicazioni laser innovative. Le PMI in tutta Europa beneficeranno dell’iniziativa in tre modi:

  • Sostegno finanziario diretto per migliorare i loro prodotti o processi manifatturieri
  • Acquisizione di nuove tecnologie e conoscenze
  • Accesso a nuovi mercati e partner al di fuori del proprio  ecosistema locale.

Gli esperimenti verranno realizzati con l’aiuto di reti paneuropee di centri di competenza, che assicureranno le competenze e il sostegno necessario alla creazione di partenariati transfrontalieri. Le PMI potranno candidarsi per i finanziamenti tramite i “Bandi per esperimenti” che verranno lanciati in tali centri nel 2014 e nel 2015.
I principali stakeholder del settore industriale ed accademico che stanno partecipando a progetti nel quadro del partenariato pubblico/privato “Fabbriche del futuro” (PPP FdF) si incontreranno questa settimana a Ginevra per l’evento “Imagine FOF2020” al fine di discutere sui progressi e sulle sfide future correlate alle TCI.
I4MS rientra nello sforzo generale della Commissione volto a rafforzare il settore industriale e il settore manifatturiero dell’UE. La Commissione ha assegnato la massima priorità agli investimenti in nuove tecnologie ed innovazione nella propria Strategia di politica industriale, al fine di ribaltare il declino del ruolo dell’industria in Europa. Obiettivo: portare la percentuale del PIL prodotta dal settore industriale dal 15.6% (2011) al 20% entro il 2020 (cfr. MEMO/13/505).

(Fonte: Commissione europea)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *